«La qualità dell’acqua è nella norma e nessun guasto si è mai verificato». L’Amministrazione comunale di Milazzo rassicura i cittadini per porre fine alle notizie circolanti da alcuni giorni sui social in merito a presunto inquinamento nel mare di Ponente.
Il sindaco Pippo Midili assicura che i dati delle analisi condotte sulle acque campionate, in ultimo nei giorni scorsi, all’uscita della condotta sottomarina del depuratore a 600 metri di distanza sia ad est che ad ovest dell’uscita in mare certificano questa situazione. «Dalle analisi si evidenzia, inoltre, che non esistono tracce in acqua di batteri fecali che risultano pari a zero. Le notizie allarmanti diffuse nei giorni scorsi da pagine social prive di alcun riscontro – dice – cagionano una immagine della nostra città negativa con gravi danni sulle ricadute turistiche e della tranquillità dei cittadini» L’Amministrazione, nell’annunciare che sta valutando l’ipotesi di tutelare l’immagine della città nelle sedi opportune, comunica anche che «oggi si è inoltre proceduto ad eseguire prelievi di campioni di acqua per l’ulteriore certificazione di balneabilità. I fenomeni rilevati, quindi, sono da ricondurre ad anossia che oramai con maggiore frequenza si verificano in tutto il mar Mediterraneo tutto. La situazione continuerà ad essere sempre monitorata»

guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Tony
Tony
3 mesi fa

il problema è la temperatura delle ultime estati, gli esperti dicono sarà sempre peggio, molti turisti hanno disdetto vacanze per questo motivo, piantiamo migliaia di alberi dovunque c’è terra e abbattiamo ecomostri di cemento per fare crescere verde

Davide
Davide
3 mesi fa
Reply to  Tony

Del verde non gliene frega niente a nessuno: non genera profitto e la sua manutenzione costa. La cementificazione di Milazzo, negli ultimi anni, è qualcosa di aberrante. Non si può fermare la speculazione edilizia, tanto meno il sistema che sta a monte che ha generato solo squilibri e brutture.

Tony
Tony
3 mesi fa
Reply to  Davide

diciamolo chiaramente qui in estate non si può più stare, oltre al caldo afoso c’è un umidità che spacca le ossa, condizioni che manco nelle zone monsoniche dell’ India! se continua così oltre a chi emigra per mancanza di lavoro ci saranno pure i migranti climatici

Apriteviatenenteminniti2
Apriteviatenenteminniti2
3 mesi fa

Il ns. mare è come quello di Rimini, nel senso che le analisi ci dicono sia tutto in regola, però abbiamo provato tutti a fare il bagno e in particolare ieri (domenica mattina) in acqua c’erano veramente poche persone (in tutto il litorale)… chi sà come mai… e che qualcuno dica che non è vero…

Davide
Davide
3 mesi fa

Ma chi potrà mai attuare un’ordinanza, in località di mare, in piena stagione estiva, che vieti la balneazione? Secondo me, anche se avessero rilevato un qualche valore poco al di sopra del limite consentito, lo vengono a dire alla cittadinanza? Diventerebbe danno d’immagine e “turismo” azzerato.

Giorgio
Giorgio
3 mesi fa

Siete solo denigratori del nostro ambiente. Come si può paragonare il nostro mare a quello della riviera romagnola, solo chi non è mai stato in adriatico può fare un simile accostamento.

Antonio575
Antonio575
3 mesi fa

Nella riviera romagnola, l’acqua e perennemente torbida tendente al verde , mentre la spiaggia generalmente, ha la consistenza del marciapiede di Marina Garibaldi ( forse quest’ultimo è pure più morbido) ..

tutto inutile...
tutto inutile...
3 mesi fa

è la stessa cosa dei dati della qualità dell’ aria: da sessant’anni “va tutto bene” , nella realtà poi la gente si ammala e qualcuno purtroppo muore, basta vedere “le piogge acide” che corrodono persino la carrozzeria delle auto