«Un segnale importante ed incoraggiante per tutto il territorio». Emerge soddisfazione da parte dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Giovanni Mastroeni, Antonino Alibrandi e Ivan Tripodi insieme alle categorie degli edili, dei chimici, dei meccanici e al coordinamento delle Rsu dopo l’incontro annuale tra la Raffineria di Milazzo, le organizzazioni sindacali sia interne che dell’indotto, gli imprenditori e Sicindustria Messina.
Questa è stata l’occasione, per la Raffineria, per un primo approccio attraverso il nuovo management composto dal direttore generale Marcello Tarantino e dal responsabile Risorse Umane Giuseppe Muller ma anche per illustrare il piano di investimenti per il 2022.
«Ci è stato prospettato un investimento di 115 milioni di euro – sottolineano Mastroeni, Alibrandi e Tripodi – suddiviso in 45 milioni per la manutenzione e 70 milioni per gli investimenti. Come organizzazioni sindacali lo reputiamo un segnale tangibile di ripresa con risvolti positivi per il comprensorio soprattutto perché arriva dopo un periodo in cui, a causa del Covid e dei risvolti sul mercato della pandemia, gli investimenti si erano ridotti. Questo, però, non significa che siamo del tutto sereni per il futuro del sito industriale. Abbiamo chiesto ed ottenuto l’istituzione di un tavolo permanente che possa monitorare tutte le fasi dei processi produttivi della Raffineria, anche quelli futuri e legati alla transizione energetica. Siamo sicuri che se verrà creata una sinergia tra tutte le parti in gioco potranno essere evitati disagi ai lavoratori e problemi sociali all’intero territorio».
Cgil, Cisl e Uil hanno sottolineato anche la necessità di prevedere interventi a medio e lungo termine per garantire la produzione ed i livelli occupazionali attuali ma, soprattutto, dare certezza alla continuità dell’attività attraverso il passaggio alle nuove tecnologie.
«Sarebbe importante – continuano – creare una road map che preveda confronti costanti per accompagnare i processi futuri del sito industriale. Si deve guardare alla transizione energetica ma anche alla transizione sociale. Serve un Patto che possa garantire quella occupazione stabile e duratura sulla quale si regge gran parte del tessuto economico del comprensorio milazzese e della provincia»
Attenzione alta anche all’aspetto occupazionale con un passaggio legato ai lavoratori che, ancora, sono rimasti fuori dal ciclo produttivo. «Considerato l’importante investimento per il 2022 – auspicano Mastroeni, Alibrandi e Tripodi – siamo fiduciosi affinché i lavoratori rimasti fuori dal ciclo produttivo dopo il cambio appalto ex Sicem possano tornare al lavoro prima possibile».

Stamattina il direttore generale della Raffineria di Milazzo. Marcello Tarantino ed il responsabile Risorse umane, Giuseppe Muller hanno incontrato a palazzo dell’Aquila il sindaco Pippo Midili per illustrare il Piano investimenti 2022 esposto anche alle rappresentanze sindacali e a Sicindustria. 
~

guest
3 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
SINDACALISTA SPASIMANTE RAM
SINDACALISTA SPASIMANTE RAM
1 mese fa

Soldi da destra e soldi da sinistra. Siamo ancora fuori da 9 mesi. Piange miseria la RAM quando si deve adeguare alle BAT ma coglie l’attimo quando deve risparmiare sul personale. Le istituzioni sono ancora sotto scacco con la minaccia dei licenziamenti per innalzare i limiti?

Gandalf
4 mesi fa

Ma la RAM usa acqua di falda o i desalinizzatori? Perché con la siccità che opprime tutta l’Italia e la desertificazione che avanza usare acqua di falda in impianti industriali significa non rispettare il territorio e la gente che ci vive. Volete essere più Green? Ecco da dove iniziare.

Peppe
Peppe
3 mesi fa
Reply to  Gandalf

Alle grandi industrie una legge regionale già dal 2006 impedisce di utilizzare acqua di falda quindi desalinizzano acqua di mare. Il processo oltre che economicamente rilevante provoca un risvolto ambientale niente male. L’innalzamento della salinità del mare. Un guaio serio se aumentano questi imp