Il Comune di Milazzo si attiva per l’acquisto di passerelle in legno da installare lungo i tratti di spiaggia comunale. Con determina dirigenziale si impegna la somma di 17 mila euro per la fornitura di centocinquanta passerelle da sistemare in alcuni punti già individuati. Nel provvedimento si esplicita la necessità di rendere fruibili le spiagge pubbliche e raggiungibili fino alla battigia alla maggior parte possibile di persone, in particolare agli anziani e ai soggetti con difficoltà motorie.
«L’installazione delle passerelle – ha affermato il sindaco Pippo Midili -rende specialmente agli anzianipiù agevole l’accesso a mare. Una iniziativa di valore sociale che qualifica ulteriormente l’offerta di servizi da parte del Comune per migliorare l’accessibilità sulle nostre spiagge nel periodo estivo».

Condividi questo articolo
guest
6 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Barcmer
Barcmer
30 giorni fa

Bisogna mettere invece le docce a gettoni e con il ricavato apportare le migliorie del lungomare,per esempio il verde,la pulizia continua una pista ciclabile etc.

Pinella Ieni-
Pinella Ieni-
30 giorni fa

Bravo Sindaco, spero ne mettano qualcuna di fronte il COMPLESSO BREZZA Marina Ponente presso ex Lido Ponentino, rendendo agevole la discesa al mare per disabili ed anziani

Doc
Doc
1 mese fa

Con 17 mila euro, ci fai circa 150 metri di passerelle…quindi 3 discese…come.impiegare bene i soldi..a fine mandato vi sarà una voragine..

Antonio
Antonio
1 mese fa

La prima ponentata e si ritroveranno alle isole.

UnMilazzese
UnMilazzese
1 mese fa
Reply to  Antonio

L’iniziativa è validissima ma, purtroppo, è anche vero che le mareggiate di ponente le danneggeranno parecchio. Se fossero, invece che di legno, dei nastri continui in gomma trinforzata sarebbero meno funzionali ma resisterebbero molto di più e sarebbero più facili da spostare e riposizionare

Renato
Renato
1 mese fa

Credo che sia un’iniziativa lodevole. Dovrebbe essere abbinata ad una maggiore tutela del terrapieno di Ponente, impedendo il parcheggio
delle automobile che arrivano perfino a lambire la spiaggia se non addirittura a parcheggiare sull’arenile.