I problemi che stanno caratterizzando da alcune settimane lo smaltimento degli abiti e degli accessori di abbigliamento usati che non possono essere più smaltiti nella frazione “indifferenziata” in quanto l’impianto di trattamento non accetta la tipologia di rifiuti  ha indotto il Comune a trovare una soluzione alternativa e così nei prossimi giorni saranno posizionati sul territorio comunale dei contenitori ad hoc.
A collocare i contenitori  sarà la società “Città Pulita sas” di Rizziconi che ha offerto un rialzo del 110 per cento sul prezzo a base d’asta fissato dal Comune che era di euro 120 annui. L’offerta aggiudicataria è stata di euro 252 per ogni cassonetto posizionato sul territorio.

GLI INGOMBRANTI. Segnalazioni su questo argomento erano giunte anche ad Oggi Milazzo. Ma non è l’unico servizio da perfezionare. «C’è anche un’altra cosa che non funzione – scrive il lettore Daniele – per gli ingombranti sono previsti due ritiri a settimana per un massimo di 15 utenze/volta. Significa 1500 ritiri/anno. A Milazzo dovremmo essere circa 10 mila famiglie, ecco spiegato perché ci vogliono due mesi per il ritiro di un ‘ingombrante. Tra l’altro viene considerato ingombrante anche la tavoletta del water: sotto la mia abitazione non hanno ritirato nemmeno quella».

Condividi questo articolo
guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
aiuto
aiuto
5 giorni fa

non è che, per gli ingombranti, la ditta ha costi alti e preferisce dilazionarli nel tempo?

Teresa Nunnari
Teresa Nunnari
6 giorni fa

Non basta lo spreco dei precedenti quattro piccoli cassonetti inutili a famiglia? Riguardo i rifiuti tessili che non sono frequenti, basterebbe un grande contenitore a rione. E svuotarlo una volta a mese.

domenico giorgianni
domenico giorgianni
6 giorni fa
Reply to  Teresa Nunnari

i piccoli cassonetti sarebbero cinque e personalmente li trovo utilissimi, per quanto riguarda i rifiuti tessili, l’idea del cassonetto rionale mi trova d’accordo

cat
cat
7 giorni fa

buttare la spazzatura in questa città è come vivere un incubo, dal quale non ci si riesce più a risvegliare. una selva di regole, deroghe, complicazioni: è un servizio alla comunità o un supplizio alla comunità?

Tony
Tony
6 giorni fa
Reply to  cat

una tortura, e pure da pagare

Peppe
Peppe
7 giorni fa

La tassa sui rifiuti è decisamente esagerata in se, se poi si valuta il servizio offerto sa proprio di beffa. Non esiste un posto dove poter conferire gli ingombranti in piena autonomia come avviene in tutti i comuni limitrofi . Olio raccolta inefficiente . Indumenti non raccolti. Pochi contenitor

Peppe
Peppe
7 giorni fa

Dovrebbero dare la possibilità ai cittadini che non vogliono o non possono aspettare due mesi un ritiro di portare rifiuti ingombranti e tutto quello non previsto nei ritiri settimanali presso un centro raccolta come si fa in tutti i comuni normalmente in Italia.

milazzese1
milazzese1
6 giorni fa
Reply to  Peppe

Basterebbe instaurare una vera “Isola Ecologica” come in tutte le città che si rispettano.