“La prematura scomparsa, a Milazzo, di Maurizio Catanzaro priva la destra messinese di un militante appassionato, preparato e coerente. Personalmente, perdo con Maurizio un amico leale, con il quale ho condiviso un sodalizio ideale per molti anni, sempre uniti nella esultanza della vittoria e nell’amarezza della sconfitta. Alla famiglia desidero esprimere il mio più sincero cordoglio”. Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo la notizia della morte di Maurizio Catanzaro, ex consigliere provinciale ed assessore milazzese.

La scomparsa di Catanzaro, stamattina, ha destato profondo cordoglio non solo a Milazzo. Era ricoverato al Papardo per complicazioni dopo aver contratto il Covid. “Ci avevamo sperato fino alla fine che potesse uscirne, purtroppo non ce l’ha fatta. Con lui se ne va un pezzo di storia politica e umana”, ha scritto Silvano Arbuse, già presidente del consiglio al comune di Messina. Tra i tanti messaggi di cordoglio quella dell’amico Giuseppe Falliti, dirigente medico al Papardo: “Il Covid mi ha strappato un amico d’infanzia, un uomo con cui abbiamo condiviso giochi, passioni e, soprattutto, ideali. Si è tante volte attaccato alla vita e mi faceva condividere la gioia per aver più volte cacciato via la morte. Per lui non ero medico da consultare ma confronto scherzoso per esorcizzare le malattie. Ci siamo voluti bene e rispettati ma non posso che chinare il capo di fronte all’impotenza della medicina ed alla violenza del virus”.

Anche se non è stato ufficializzato, il funerale di Maurizio Catanzaro si dovrebbe tenere lunedì pomeriggio alla Chiesa Madre di Milazzo.

 

 

Condividi questo articolo