Damiano Maisano (FOTO OGGI MILAZZO)

Il  consigliere comunale della Lega, Damiano Maisano ha presentato una interrogazione con la quale chiede al sindaco di attenzionare la questione delle strade del centro e della periferia “che versano in condizioni disastrate con presenza di buche che costituiscono grave pericolo per la sicurezza della circolazione di automobili, cicli e motocicli, oltre che per l’attraversamento dei pedoni”.

Maisano fa riferimento in particolare a “via Acqueviole e Piazza di San Giovanni dove, peraltro, sono presenti scuole, farmacia ed esercizi commerciali, mettono a rischio la pubblica incolumità determinando un danno anche per il Comune seriamente esposto a risarcimenti economici di notevole rilevanza per cadute o incidenti legati a questa situazione”.
Il consigliere nel rilevare che “ molte strade interessate da lavori di scavi per interventi di vario genere (acquedotto, elettricità, gas, telecomunicazioni) risultano ancora oggi non ripristinate a regola d’arte”, chiede al sindaco “di conoscere i tempi per effettuare gli interventi di ripristino della grave situazione, il numero delle richieste di risarcimento pervenute al Comune negli ultimi 12 mesi e il costo totale richiesto per risarcimento danni da terzi all’ente, nello stesso periodo”.

LE POZZANGHERE DI VIA MARINAIO D’ITALIA. Sono veri crateri quelli in via Marinaio D’Italia, la strada di Ponente che da San Papino conduce allo stadio Salmeri. In un tratto c’è mezza corsia occupata da veri crateri dove nei giorni di pioggia si creano enormi pozzanghere che rimangono visibili per giorni dopo la pioggia. Il manto dissestato è all’altezza di una viuzza che  arriva in via Cavallotti, in cui vivono decine di residenti, che a sua volta ha uno sbocco in via Grotta Polifemo. Come hanno spiegato ad Oggi Milazzo i residenti sono costretti ad attraversare le buche per accedere o uscire da casa mettendo a repentaglio la loro incolumità e quella dei loro mezzi. 

Numerose le segnalazioni ad oggi Milazzo da parte de lettori. «Buongiorno, le scrivo per raccontarle quanto mi è accaduto ieri sera in via Botteghelle ritornando a casa – scrive Luana –  A causa di una buca che più che una buca è una voragine. Ho tagliato letteralmente una ruota, rischiando la mia salute e quella di mio figlio in grembo… Non potendo nè frenare e nè sorpassare ho dovuto prenderla in pieno! La cosa più assurda è però un’altra, chiamo i vigili urbani e mi rispondo che non possono venire sul posto poiché non hanno personale (e te pareva) e che non possono far sistemare le buche perché non c’è il materiale (ma mettete almeno una segnaletica). Scrivo più che altro per comunicare di fare attenzione a chi percorre quella strada. Il conducente di un motorino rischierebbe veramente la vita».

Buca in via Botteghelle

 

 

 

Condividi questo articolo
guest
17 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Chi, che cosa?
Chi, che cosa?
4 mesi fa

Ma che strade dissestate: crateri, buche, fossi? Avete interpretato male, sono dissuasori economici per rallentare la velocità.

Foca 4x4
Foca 4x4
4 mesi fa

Jo ca jeep ne sentu i buca.

Chi va piano...
Chi va piano...
4 mesi fa
Reply to  Foca 4x4

Meglio con il cingolato.

Mario
Mario
4 mesi fa

Ridendo e scherzando uno non può manco prendere dei cerchi grandi per l auto perché richia di far danno o di farsi male a causa dei fossi
dopo tutte le tasse che uno paga

Lina
Lina
4 mesi fa

Vogliamo parlare del cratere all’uscita dell’asseviario a San Paolino ? Gli interessi saranno altri per adesso

Alby
Alby
4 mesi fa

È una città allo sbando sporca, viabilità pessima, macchine parcheggiate ovunque, cantieri pubblici senza segnalazione ne a norma di sicurezza, il lavoro di piazza Nastasi manca del cartellone di esecuzione lavori, importi chi è l’appaltatore, gente che lavora senza DPI…bah se questa è milazzo meglio andar via

Pio
Pio
4 mesi fa
Reply to  Alby

Menomale che abbiamo altri vigili! Si vede che non ci sono più macchine in doppia fila, specialmente davanti al comune e alla dogana…se possibile parcheggiano ancora di più
E nessuno li scomoda i signori al bar o al ristorante
Che vergogna