SAN FILIPPO DEL MELA. E adesso ad Archi, frazione conosciuta per la presenza di grandi industrie, c’è la “Gelsominaia“, ultima opera dell’artista milazzese Andrea Sposari. Inizitiva rientra nel progetto “Urban Art per San Filippo del Mela” portato avanti dalla locale Pro Loco che ha come obiettivo quello di ridare vita e quindi interesse, su frazioni del territorio disagiate, per riscoprirne le origini, attraverso un linguaggio contemporaneo. L’opera è stata realizzata in uno spazio pubblico di proprietà comunale è centrale tra due edifici privati. Su uno di essi, di proprietà dell’ingegnere Saporita, si è realizzato il lavoro di street art dal titolo : “Gelsominaia”, finanziato tramite bando di democrazia partecipata del Comune di San Filippo del Mela.

La donna che vedete nell’opera viveva proprio ad Archi, nella casa accanto al palazzo oggetto dell’intervento artistico di Andrea Sposari. L’artista ha lavorato su una foto della signora che è un simbolo, ma soprattutto un omaggio per le donne che hanno lavorato nei campi di gelsomino, prima degli insediamenti industriali.
«E’ – dice l’artista – un’opera che omaggia la figura della gelsominaia, esempio di sacrificio e impegno. Un tempo la piana di Milazzo era terra fertile per i gelsomini e la maggior parte delle donne, all’alba con un fazzoletto di tessuto per coprirsi la testa dall’umidità, andavano a raccogliere questo fantastico fiore che dominava le nostre coste. Era certamente un lavoro faticoso e per questo ho voluto “santificiare” Questa figura con una corona di gelsomini appunto nell’atto di raccolta».

«Il mutare della città fa emergere l’esigenza da parte delle amministrazioni e di coloro che governano il territorio di dotarsi di nuovi strumenti più appropriati per rispondere alle domande che la città esprime – afferma l’associazione – La natura complessa dei problemi della città contemporanea fa sì che le risposte vengano cercate al di fùori degli strumenti tradizionali di pianificazione. Ciò che le città chiedono oggi è una maggiore vivibilità, la possibilità di usufruire degli spazi pubblici, la partecipazione degli abitanti dei quartieri nei processi di riqualificazione e più in generale nei processi di trasformazione urbana»
Coordinatore del progetto, il presidente della Pro Loco San Filippo del Mela Matteo Dragá che ha scritto il progetto e fortemente stimolato dal talento naturale di Andrea Sposari (Spos.Art) e da Federico Maio e Carmelo Cambria per Ventitreesimastrada che hanno registrato ogni dettaglio, fotografato ogni passaggio della costruzione di questa opera murale. Tutto realizzato con la collaborazione del primo cittadino di san Filippo del Mela Gianni Pino di credere in questo progetto di riqualificazione urbana per valorizzare le risorse umane del territorio e di credere nella forza dell’arte.

Condividi questo articolo