In uno tra gli scenari più caratteristici della Sicilia, quello della baia di Taormina e del litorale di Giardini Naxos il 5 e l’8 dicembre si sono svolte le gare della semifinale e della finale del campionato su sabbia più prestigioso di sempre organizzato dal motoclub Taormina New sotto le direttive del promoter FxAction. A farsi notare il milazzese Eros Aricò che dopo il ritiro nelle prove libere di domenica 5 per un guaio meccanico a pochissimi giri dall’avvio causandogli un doppio zero pesantissimo poi nella classifica di campionato, mercoledì 8 ha dimostrato il suo valore. Competitivo nelle qualifiche con il terzo tempo mentre in gara uno grazie anche ad un errore del laziale Palombini si aggiudica il primo posto, nella seconda manche c’è uno scambio di favori questa volta è il milazzese che proprio mentre tenta la fuga su Palombini commette un errore che lo vede finire poi terzo dopo un bel recupero i due piloti amici fuori pista finiscono a pari punti rimandando lo scontro nella supercampione dove dopo una bella bagarre Palombini cade Eros è subito dietro i due entrano in contatto involontariamente ed ha la meglio il laziale che con moto accesa riesce a partire più velocemente arrivando rispettivamente 9°e 10°.

Il responso della giornata vede il milazzese Eros Aricò a soli due punti dal gradino più alto chiudendo al 2 posto di giornata.

«Questo – dice Eros – è il frutto dei sacrifici fatti da papà che ha percorso più di 350 chilometri nella giornata di lunedì su e giù per la Sicilia per cercare i componenti utili al mio meccanico Dario per sistemare la moto. Un podio e un 4° posto in classifica generale agli Internazionali d’Italia Supermarecross contro ogni aspettative considerando il ritiro per me vale come un titolo, senza nulla togliere al meritato titolo di FabioMassimo, sono soddisfatto del mio risultato e ci tenevo a fare qualcosa di più concreto per la mia famiglia specialmente in Sicilia visto che da due anni non gareggio più qui e ormai mi chiamano ” il calabrese”».

Eros Aricò con il suo meccanico Dario

Condividi questo articolo