VIDEO. Mobilità sostenibile e innovazione tecnologia a costo zero. Una sintesi ben rappresentata dal convegno organizzato dalla concessionaria Formula 3 di Messina e ospitato dall’azienda Simone Gatto, nella zona industriale di Giammoro. Nulla è stato lasciato al caso. A cominciare dalla location, una struttura che da sempre investe sull’innovazione (ad esempio utilizza energia rinnovabile autoprodotta) e che esporta in 27 paesi nel mondo olii essenziali e succhi di agrumi. Alla presentazione della nuova Bmw iX, un concentrato di potenza, eleganza e lusso ma senza rinunciare all’ambiente e alla riduzione dell’inquinamento.

Durante il convegno dedicato alla mobilità sostenibile moderato dalla giornalista Rossana Franzone, direttore di Oggi Milazzo, sono intervenuti il Ceo di Formula 3, Giacomo Caselli («Il prossimo anno ben 23 modelli Bmw di auto elettriche») ; Il direttore generale della Simone Gatto, Vilfredo Raymo («la nostra è stata una delle prime aziende a produrre con una filiera biologica»; l’amministratore di Innesta, incubatrice di start-up con un occhio di riguardo all’ecologia, Giancarlo Visalli; Rossella Vadalà, della start-up Edypak che punta a ridurre l’inquinamento nella conservazione degli alimenti; Il responsabile software di Tmr, Pietro Terranova, che ha parlato dei sistemi di controllo e gestione per bici e auto elettriche; il direttore dei servizi speciali della mobilità dell’Amat di Palermo, Domenico Caminiti; Il presidente dell’Atm Messina Pippo Campagna, che è intervenuto sulle innovazioni alle quali sta lavorando Atm anche in ottica green ed ecologica («la nostra l’azienda con il più alto numero di autobus elettrici di categoria»).

Tutta l’attenzione del presenti si è concentrata sulla nuova BMW iX è un auto elettrica che si presenta da subito come un concentrato di tecnologia, un automobile dotata di tutti i comfort per un utilizzo agevole e piacevole.

Si parte già dagli esterni: l’auto è realizzata con uno Space Frame in alluminio e utilizza il Carbon Cage in plastica con fibra di carbonio per completare la struttura esterna: un design futuristico ma minimal che offre un perfetto connubio tra eleganza e sportività.

La Bmw iX è disponibile in due modelli, con differenti capacità di kilometraggio: nella versione xDrive50 è possibile raggiungere oltre 600 km di autonomia, si scende a poco più di 400 km invece per la variante xDrive40.

L’interno è un vero e proprio “salotto automobilistico” che non rinuncia all’ecologia grazie ai materiali ottenuti da tecniche di riciclaggio -nel caso della microfibra per i sedili- o dall’utilizzo di pelle non conciata, per ridurre gli inquinamenti in fase di produzione.

Gran parte della gestione dell’auto è riservata al sistema di infotainment gestito dall’ampio display curvo da 12,4 pollici.

L’auto è dotata di chiave elettrica, sincronizzabile con lo smartphone ma anche con alcuni smartwatch di ultima generazione e di prossima uscita sul mercato europeo -Oppo sta lavorando in tal senso con i propri wearable. La chiave elettronica, inoltre, può essere condivisa con altri account: i membri della propria famiglia, ad esempio, ma anche col proprio staff nel caso in cui l’auto sia destinata ad un utilizzo in ambito aziendale.

L’ampio display curvo  è il vero nucleo dell’esperienza automobilistica. Lo schermo viene sfruttato per gestire tutti i sistemi della vettura: dalla semplice climatizzazione interna alla gestione del tragitto. Proprio quest’ultimo punto presenta una caratteristica interessante: è possibile far gestire il percorso al sistema di infotainment dell’auto, così da calcolare le soste necessarie alla ricarica delle batterie per un’ottimizzazione dei tempi.

«La Bmw iX – spiega Giacomo Caselli –  un auto che porta il futuro ai giorni nostri. Il maggior rispetto dell’ambiente, la riduzione delle emissioni di carburante ma anche dell’inquinamento acustico -l’auto è assolutamente silenziosa- sono tutti fattori sui quali si sta puntando non solo in Europa, ma in tutto il resto del mondo. BMW ha voluto anticipare i tempi già con i precedessori della iX e con quest’ultimo modello ha fatto il salto di qualità: un auto nata come elettrica, per l’ambiente con l’ambiente».

(ARTICOLO PUBBLI-REDAZIONALE OGGI MILAZZO PER CONCESSIONARIA FORMULA 3 BMW)

 

 

Condividi questo articolo