Un complesso residenziale a sei elevazioni al posto dell’ex pastificio Puglisi e di un parcheggio comunale che da anni si è ipotizzato di realizzare. L’ufficio tecnico comunale ha rilasciato ai proprietari dei terreni  il permesso per la realizzazione un complesso da 40 appartamenti fra le vie Bertè, Ettore Celi e Giorgio Rizzo.

Il rilascio dell’autorizzazione a Gioacchino Puglisi, Amalia Puglisi, Alessio Puglisi ed altri giunge dopo una lunga battaglia burocratica. La zona dell’ex Pastificio Puglisi alla fine degli anni ‘90 è stata trasformata in un grande insediamento abitativo. L’area che guarda alla via Ettore Celi è invece rimasta in stand by poichè il Comune l’aveva vincolata a parcheggio. Negli anni nessuna amministrazione è riuscita a realizzare l’infrastruttura e così si è arrivati alla scadenza del vincolo decennale che ha fato balzare il valore dell’appezzamento da 150 mila euro a 2 milioni di euro, cifra che rendeva impossibile a palazzo delle Aquile di opzionarla nuovamente.

I proprietari del fondo, quindi, nell’ottobre 2013 hanno presentato al Comune una richiesta di attribuzione di una nuova destinazione urbanistica ai terreni di loro proprietà, ottenendo alla fine il via libera dal Tar nel 2014 .Dopo sette anni di iter burocratico è arrivato il permesso di costruire.

 

Condividi questo articolo
guest
23 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Giovanni Qualunque
Giovanni Qualunque
8 giorni fa

Tutto regolare come previsto, grazie all’ufficio tecnico per l’impeccabile inerzia adottata fin tanto il nominato commissario ad acta (direi ad hoc) di una provincia lontana del Messinese e al quale non importa nulla della città di Milazzo, ne dei parcheggi che mancano, ha sancito la costruzione di 40 appartamenti. Alla faccia dei milazzesi .Complimenti

osservatore
osservatore
8 giorni fa

A Milazzo un dato è certo aldilà delle amministrazioni che si sono susseguite negli ultimi venti anni: la cementificazione che ha molto l’odore del sacco edilizio. Pochissimi parchi, giardini e polmoni verdi e tanto tanto cemento. Evviva la sostenibilità ambientale. Qualcuno dovrebbe accendere un faro su tutta questa speculazione edilizia.

oratipassa
oratipassa
8 giorni fa

Altre trappole per topi da 40 mq a 200 mila……scappate se potete da milazzo,scappate

Sebax
Sebax
8 giorni fa

Il trucco c’è ma non si vede…..

Stefano
Stefano
8 giorni fa

Premesso che a Milazzo esiste un problema di spazi da destinare a parcheggi pubblici ed a verde nel centro, e anche vero che quel terreno è di proprietà privata, e chiunque al posto nostro avrebbe difeso la sua proprietà per una bene pubblico che poi nei fatti sarebbe stato trascurato. Si sa bene che individuare luoghi per servizi pubblici possono essere anche momenti per degli sgarbi ad personam.