E’ stata pubblicata sul sito istituzionale del Comune la delibera approvata dal Consiglio Comunale lo scorso 9 novembre con cui viene adottata in via preliminare il Piano di utilizzo delle aree demaniali marittime (Pudm) del Comune di Milazzo.

Entro 30 giorni ogni portatore di interesse legittimo potrà proporre osservazioni al Pudm.
L’Avviso e la proposta di Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo sono pubblicati all’Albo Pretorio on-line del Comune di Milazzo e gli elaborati della proposta di Pudm in formato PDF sono visionabili/scaricabili dall’apposito link sul sito istituzionale del Comune nella sezione Avvisi.

La proposta è anche depositata al 4° Settore Ambiente e Territorio per la visione da parte dei portatori di interessi legittimi.

Le eventuali osservazioni dovranno pervenire al protocollo generale del Comune all’indirizzo pec protocollogenerale@pec.comune.milazzo.me.it entro trenta giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio on-line dell’avviso.

Condividi questo articolo
guest
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
salvo
salvo
13 giorni fa

In nome della tanto decantata trasparenza e onestà, gli amministratori, non proprietari, del bene pubblico, dovrebbero prima di qualsiasi atto programmatico informare i cittadini, pubblicando gli atti ufficiali, di quanto attualmente i concessionari dei lidi stiano pagando al metro quadro, quanto è lo scostamento dalla media nazionale e poi quanto si sta facendo per il censimento voluto da Draghi.

h2o
h2o
13 giorni fa

FINALMENTE NON ZOZZERANNO PIU’ LA SPIAGGIA STI PSEUDO PESCATORI

cat
cat
14 giorni fa

lidi dovunque. il mare bene comune – unica ricchezza che questa terra dà ai suoi figli – cancellato in nome di cosa???

mario
mario
14 giorni fa

QUINDI FRA POCO TOGLIEREMO LE BARCHE ALLA ‘NGONIA PER FAR SPAZIO A QUALCUNO CHE MAGARI PIAZZERA’ UN BEL LIDO E NON AVREMO CONCLUSO UN BEL NIENTE COME AL SOLITO!

Filippo
Filippo
13 giorni fa
Reply to  mario

Andando di questo passo, secondo i dati della Nasa, a causa dell’innalzamento del livello dei mari, fra pochi anni dalla Ngonia si dovrà smammare tutti. Già oggi della spiaggia è rimasto ben poco.