Fornire strumenti utili e presentare le buone pratiche adoperate dal proprio corpo docente nell’espletamento della propria funzione. Questi due argomenti sono stati al centro dell’incontro svoltosi all’Istituto Tecnico Tecnologico Ettore Majorana fra il dirigente scolastico Stello Vadalà e i quattro ispettori scolastici provenienti dalla Bulgaria, Morika Nikolova lazarova, Vanya Yancva, Nicolaya Naydenova e Rumyana Becheva.

I quattro rappresentanti dell’Ispettorato Nazionale di Educazione in Bulgaria, nuova struttura statale e legata al Consiglio dei Ministri, hanno colto con entusiasmo e interesse l’opportunità di visitare gli ambienti dell’istituto mamertino durante l’orario scolastico e apprezzato, grazie alla guida dei docenti collaboratori del preside, professori Bucca e Arlotta, le attività effettuate nei vari laboratori dei cinque indirizzi di studio che caratterizzano l’istituto.

Formazione del personale della scuola per la crescita professionale, lo sviluppo di nuove competenze e il sistema di valutazione italiano, sono stati i punti cardine dell’incontro. Nelle parole delle ospiti accompagnate dalla professoressa Anna De Trovato, formatrice Erasmus, oltre allo spirito del progetto per la cooperazione, per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche è emerso l’impegno delle ispettrici nell’attenzionare pure gli aspetti amministrativi, di cui hanno discusso con il DSGA Marinella Maiorana.  

«Ancora una volta il mondo della scuola ci conduce un passo avanti, consentendo attività di ricerca e scambio culturale di respiro internazionale con partenariati strategici tra istituzioni europee per accrescere le competenze professionali, innovare le pratiche educative e la gestione degli istituti scolastici” – commenta il preside Stello Vadalà a conclusione della mattinata che ancora una volta pone l’istituto da lui guidato da oltre un quindicennio al centro del dialogo fra istituzioni e all’attenzione dell’offerta formativa al territorio sempre più inclusiva e competente.

Condividi questo articolo