Nelle prossime settimane a Milazzo entreranno in funzione due EcoIsole per la raccolta di plastica, carta e cartone e vetro che nel centro storico integreranno il “porta a porta” per le attività commerciali e per gli utenti di alcune zone che verranno individuate. Questa mattina la Caruter ha proceduto al posizionamento all’ingresso di via Pescheria e nella via Cumbo Borgia. Per l’accesso alle EcoIsole sarà necessario disporre di card personale o del codice fiscale.

«Uno sforzo ulteriore che stiamo facendo per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti e contribuire ad incrementare le percentuali di raccolta differenziata del nostro Comune  – afferma il sindaco Pippo Midili -. L’Ecoisola, informatizzata, in grado di tracciare in maniera puntuale e completa tutto il conferito è una integrazione più che una alternativa alla raccolta porta a porta nei centri storici. Milazzo sarà uno dei primi comuni siciliani ad ospitare le Ecoisole che – è stato già dimostrato a livello nazionale – sono funzionali ed efficienti. Punti di raccolta esteticamente curati (è stata inserita in ognuno l’immagine della nostra città) così da essere perfettamente integrati nel territorio. Un sistema che lascia l’utente libero di conferire in qualsiasi momento in base alla proprie necessità. Se le risposte saranno quelle auspicate, potremmo immaginare una estensione di tale innovazione su tutto il territorio cittadino perché in questo modo si accresce la consapevolezza degli utenti e si aumenta la quantità e la qualità della raccolta differenziata dei rifiuti, secondo le indicazioni dettate dalla normativa regionale. Sarà inoltre un modo per responsabilizzare ogni cittadino sulla corretta separazione dei rifiuti e sul conseguente  corretto conferimento».

Il sindaco ha spiegato che le attività commerciali del centro storico continueranno quindi a seguire lo smaltimento “porta a porta” dell’umido (il cui ritiro avviene sette giorni su sette) e dell’indifferenziato, con soli due contenitori, anziché i cinque previsti per tutte le frazioni di rifiuto, ma dovranno esporre gli stessi solo la sera precedente per ritirarlo subito dopo lo svuotamento da parte della ditta.
“Nelle zone dove saranno operative le Ecoisole, non accetteremo più di vedere contenitori lasciati per l’intera giornata davanti ai negozi o sui marciapiedi – conclude Midili – in quanto oltre a mortificare il decoro, creano inconvenienti di natura igienica”.                                                                                               

Condividi questo articolo
guest
10 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
pippo
pippo
1 mese fa

di queste “isole ecologiche” ne occorrono decine

Vanessa
Vanessa
1 mese fa

Bella iniziativa, ma il problema principale per le attività è l’indifferenziata.. spero che si trovi una soluzione anche a questo! Siamo d’accordo sul fatto che sia uno scempio vedere i rifiuti sui marciapiedi, ma di certo è impensabile tenersi i sacchi pieni all’interno del proprio locale commerciale per una settimana

Peppe
Peppe
1 mese fa

Tutto è migliorabile ma questa soluzione va nella direzione giusta. Più isole ecologiche ipercontrollate con multe salate per i trasgressori e meno bidoni per strada. Certamente il servizio di svuotamento deve essere puntuale. Un bravi di incoraggiamento.

Cittadina Milazzese
Cittadina Milazzese
1 mese fa

Funzionali ed efficienti perché permetteranno a tanti cittadini di buttare la spazzatura durante il giorno, liberandoli dall’incomodo di buttarli solo la sera ed essendo in centro saranno accessibili a tutti; penso alle persone senza auto o anziane che, in questo modo, saranno più invogliate a rispettare la differenziata.

Faccilodda
Faccilodda
1 mese fa

E quel povero venditore di maschere e boccagli come farà? lavorerà con “l’isola” davanti..
Anche bar difronte, d’estate con “l’isola” piena servirà granite e brioches tra i tanfi maleodoranti.. e l’hotel lì vicino.. ecc ecc.
Adesso non dite che a Milazzo sappiamo solo lamentarci.. quel posto è obbiettivamente sbagliato, soluzione? Magari presso il Diana o lì vicino, lo so soluzione troppo facile..

Antonio
Antonio
1 mese fa
Reply to  Faccilodda

Non so Lei dove vive, il venditore di maschere e boccagli sono anni che ha chiuso l’attività,attualmente c’è un utile distributore automatico e spero che quelle isole ecologiche vengano installate per ogni quartiere in sostituzione della differenziata porta a porta, saluti

milazzese1
milazzese1
1 mese fa
Reply to  Antonio

E importante che vengano installate anche nella piana, non dimentichiamolo.

Gra
Gra
1 mese fa
Reply to  Faccilodda

Scusi ma perché scrivete senza leggere attentamente, l’umido non so potrà buttare lenne ecoisole , ergo carta, cartone, plastica e vetro non puzzano.

Anonimo
Anonimo
1 mese fa
Reply to  Faccilodda

Il venditore di boccali è maschere è da una vita che non c’è più, carta cartone vetro e plastica(perché questo puoi conferire) non credo siano produttori di odori sgradevoli, la posizione….. È stata messa Nei pressi dei maggiori produttori di vetro e plastica tra venerdì e domenica così il ristoratore coscienzioso al posto di lasciarle in giro le conferira’ correttamente con Cod. Fisc.
Non vedo dove sia il problema……. Ti correggo, sappiamo solo lamentarci.

Milazzese
Milazzese
1 mese fa
Reply to  Faccilodda

……due EcoIsole per la raccolta di plastica, carta e cartone e vetro….Leggi bene gli articoli prima di criticare!!! Ne umido ne indifferenziata in quel contenitore…