Va a rilento la consegna dei nuovi kit con codice a barre che gli utenti dovranno utilizzare per lo smaltimento dei rifiuti differenziati. La consegna è cominciata in Marina Garibaldi (piazza della Repubblica – Fontana Cartesio) nei giorni scorsi all’interno di uno stand allestito dalla Caruter dove ad accogliere gli utenti c’è del personale molto professionale e gentile nel dare chiarimenti. Ma le polemiche non sono mancate. A sollevare la questione con un post sui social è stato il consigliere Damiano Maisano che ha pubblicato uno stralcio del capitolato d’appalto in cui si precisava la distribuzione dei kit direttamente a casa.

L’Amministrazione comunale ha comunicato che la decisione di prevedere il ritiro da parte dei cittadini presso dei punti stabiliti non è legata a scelte politiche, bensì da ragioni organizzative decise direttamente dagli uffici. Nessun atto di indirizzo infatti è stato formulato.
«Gli uffici – si legge in una nota stampa – hanno verificato che, in occasione del precedente appalto che pure prevedeva la consegna dei contenitori, solo una bassa percentuale di kit è stata distribuita per difficoltà a raggiungere gli utenti che per motivi di lavoro o altro spesso non si trovavano nelle loro abitazioni negli orari fissati.
La presenza di un punto di ritiro stabilito, in una determinata giornata e in un arco di tempo più ampio, consente invece ai cittadini di ricevere il kit senza problemi di alcun genere, ottenendo anche quella personalizzazione che è fondamentale per stabilire la quantità di rifiuto smaltito».
Quanto alla richiesta del documento di riconoscimento e della bolletta tari l’amministrazione Midili ritiene «non trattarsi di adempimenti impossibili ma alla portata di tutti».

 

Condividi questo articolo
guest
18 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
laverità
laverità
8 mesi fa

ma che porcheria sarebbe vedere tutti i marciapiede pieni di contenitori (visto che nessuno li rientra) questo è turismo?? ma dove si vedono mai ste cose ?? in quali città??? ma siete fuori di testa, a sto punto erano meglio i vecchi cassonetti della differenziata (almeno deturpavano un solo tratto di strada..cosi è uno schifo ovunque) SIETE INCOMPETENTI TOTALI ANDATE A FAN…LO

Letizia
Letizia
8 mesi fa
Reply to  laverità

I bidoni vanno usciti prima della mezzanotte e rientrati al mattino.
Tutte le città “normali” hanno questo porta a porta.
Esteticamente meglio un bidoncino che i sacchi dell’immondizia.
Ma tanto… poco da dire e da fare c’è con gente simile.

laverità
laverità
7 mesi fa
Reply to  Letizia

è quello che ho detto..ma quasi nessuno lo fa anzi c’è la possibilità di lasciarli fuori pagando al comune l’occupazione del suolo pubblico..

Multateli tutti
Multateli tutti
8 mesi fa

I palazzi di fronte la Luigi Rizzo vedo gente che mette tutta la monnezza nell’indifferenziata. Vergognatevi, voglio che vi multino tutti!

peppino
peppino
8 mesi fa

come faranno gli anziani a portare a casa i contenitori se pesano un accidenti? mi sono fermato un attimo per caricarli sulla mia auto e i vigili, solerti, mi hanno intimato di non sostare perché in una rotonda. Quella davanti alla farmacia Castelli non è una rotonda dove le auto talvolta sono parcheggiate anche sui marciapiedi?

Gioia
Gioia
8 mesi fa

Se qualcuno decide di mettere nottetempo i suoi rifiuti nel mio piccolo bidone e a me arriva la sanzione, di chi è la colpa?? Non è giusto ciò che stanno facendo ai cittadini. Milazzo è più sporca di prima. Se non aggiustano il tiro il comune si vedrà subissato di ricorsi. E poi non danno il kit?? Ma è assurdo!!!

milazzese1
milazzese1
8 mesi fa
Reply to  Gioia

E’ probabile che qualche testa gloriosa metta i propri rifiuti nel bidone altrui, c’é sempre quella minoranza di milazzesi incivili, zozzi e incoscienti. Non si rendono conto del danno che recano alla comunità.

Maria
Maria
8 mesi fa

La signora Nunzia, dice che senza bolletta non le hanno dato il kit!! Ma questi dati sono in possesso dell’ente e mi sembra un abuso sul dover fornire dati che violano la privacy dei contribuenti. Al limite un’autocertificazione dovrebbe bastare. Cara redazione giri il problema all’amministrazione, a qualche consigliere. Credo che il problema sia piuttosto serio.

Peppe
Peppe
8 mesi fa
Reply to  Maria

Mi scusi signora Maria ma che problema di privacy è mostrare la bolletta Tari si figuri che non vogliono manco sapere se è pagata o meno deve solo mostrarla per recuperare il codice cliente. Il problema vero è che molti non sono manco clienti. Non sarà il caso della signora Nunzia ma tanti sono sconosciuti all’anagrafe contribuenti.