VIDEO. Ha suscitato entusiasmo il passaggio della nave scuola Amerigo Vespucci sul lungomare di Milazzo ieri sera. Le luci tricolori che la illuminavano non sono passate di certo inosservate. Già nelle prime ore della mattina grazie al passaparola si era diffusa la notizia che poi ha trovato l’ufficialità con l’articolo di Oggi Milazzo in cui si comunicavano i dettagli. Tanti curiosi e famiglie con bambini hanno popolato il lungomare per ammirare il veliero simbolo della Marina Italiana che per oltre un’ora, a partire dalle 19, ha solcato in lungo e largo il mare prospiciente la passeggiata. Molti pensavano che il Vespucci si fermasse a Milazzo almeno una notte per poterlo vedere da vicino e ammirarlo nel porto, ma così non è stato. Il motivo è semplice. A parte che queste tappe sono previste con mesi di anticipo e calendarizzate ma, a causa del Covid, da lungo tempo sono sospese le visite guidate da parte di esterni e le soste ridotte al necessario.

Il passaggio con tanto di luci tricolori e l’ammaina bandiera, è stato un omaggio che l’equipaggio ha voluto fare alla città complice anche la presenza del primo maresciallo Salvatore Patti, milazzese, capo plancia (a bordo anche un giovane allievo di Milazzo-San Filippo del Mela, Giuseppe De Mariano). Nessuna comunicazione alla Capitaneria di Porto o all’amministrazione comunale. Solo una piccola deviazione nel tragitto tra Favignana e Taranto. Ad accogliere l’imbarcazione militare, a Capo Milazzo, la bandiera dell’Area marina Protetta.

(FOTO CARMELO FULCO / FACEBOOK)

Il comandante della Vespucci, il capitano di vascello Gianfranco Bacchi, conosce Milazzo che ha avuto modo di apprezzare la città nel 2018 durante la grande festa della Marina Militare organizzata in città in occasione della consegna della bandiera di combattimento alla fregata intitolata a Luigi Rizzo, l’eroe mamertino, un vero mito per la Marina italiana (all’epoca ricopriva la carica di capo del cerimoniale). Tra l’altro il suo primo imbarco è avvenuto sul caccia mine “Milazzo”. Inoltre ha un rapporto epistolare con la contessa Mina Rizzo, figlia novantasettenne dell’eroe della prima e seconda guerra mondiale che li ha salutati con tanto di bandiera tricolore dal terrazzo di casa sua che si affaccia sulla Marina Garibaldi. La nave ha indugiato di fronte alla sua abitazione e alla statua del padre.

Uno dei primi a diffondere la notizia sui social è stato l’ex primo cittadino Giovanni Formica che con il Capitano Bacchi ha mantenuto un rapporto di cordialità. Tramite l’ex assessore Pierpaolo Ruello, nella passata legislatura, era stata programmata una fermata dell’Amerigo Vespucci a Milazzo con tanto di cerimoniale e visite dei cittadini ma a causa del covid è saltata.

Condividi questo articolo

guest
7 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Shark
Shark
1 mese fa

Ore 14,30. Due barche pescano dentro la AMP davanti al carciofo e alla torre del palombaro. Prendono pesci e stanno lì indisturbati per molto tempo. Dove siete personaggi della AMP? Vi fate sempre vedere quando si deve essere in mostra. Più redditizio multare per sosta in zona che avete deciso è vietata?! Meglio girare in gommone? Oppure conoscete questi pseudo pescatori…meditate gente

A l
A l
1 mese fa

Che meraviglia!!. Leggo le notizie solo per poi leggere i commenti,

Rocco Foti
Rocco Foti
1 mese fa

Certo avrebbero potuto far posizionare anche tutte le altre petroliere davanti alla Marina Garibaldi in modo che l’Amerigo Vespucci avesse potuto fare la gimkana e restare un po’di più a Milazzo

Last edited 1 mese fa by Rocco Foti
Giannino
Giannino
1 mese fa

Ma quale delusione abbiamo quei bellissimi parcheggi blu da ammirare cosa protra mai importarci della nave più bella del mondo bah….

Last edited 1 mese fa by Giannino
UnMilazzese
UnMilazzese
1 mese fa

Che c’entra la bandiera di quella macchina mangia soldi e presa in giro di falsa AMP con una cosa seria come la Vespucci?
Certo che gli Individui che gestiscono quella porcheria di AMP non perdono nessuna occasione per mettersi in mezzo come il prezzemolo o, peggio, la gramigna

Giannino
Giannino
1 mese fa
Reply to  UnMilazzese

Ci vorrebbe la tua statuta al capo

Olio fra
Olio fra
1 mese fa
Reply to  UnMilazzese

Forse se ne sono andati appena hanno visto la bandiera della AMP…come giustificarli