La Fondazione Lucifero replica alle perplessità espresse da Peppe Falliti, già responsabile del Wwf di Milazzo, che ha contestato la scelta di organizzare all’interno dell’Area Marina Protetta d Capo Milazzo, terreni di proprietà dell’Ipab mamertina, eventi musicali e spettacoli tra cui il Mish Mash Festival che affonda le sue radici nella cultura indie italiana con concerti previsti tra l’8 e l’11 agosto di Margherita Vicario, Gaia, e Ariete. Secondo Falliti i luoghi non sarebbero ideonei e la scelta irrispettosa dell’ambiente circostante (LEGGI QUI)

«Da organi di stampa il Cda della Fondazione Barone Lucifero – si legge in una nota a firma del presidente Vincenzo Ciraolo – ha appreso che il dottor Giuseppe Falliti, fondatore della sezione locale del Wwf, in merito agli eventi programmati dal 27 luglio all’11 agosto a Capo Milazzo, ha dichiarato che “Amp e Fondazione Lucifero, naturalmente in combutta con l’Amministrazione comunale, consegnerebbero il sogno dei cittadini milazzesi alla sicura distruzione per un evento di tre giorni».
Corre l’obbligo di precisare al dottor Falliti e alla cittadinanza milazzese che la Fondazione Lucifero ha appreso la notizia dell’organizzazione degli eventi al Capo, in data 27 luglio a manifestazioni avviate e che gli stessi si svolgeranno su terreni che non appartengono all’Ente.
Per quanto sopra si restituiscono al mittente con fermezza e vigore i termini utilizzati e le gravi insinuazioni sul coinvolgimento della Fondazione, lesive dell’immagine e della onorabilità dell’Ente e dei componenti del Cda. Il tutto con riserva di valutare ulteriori iniziative», conclude Ciraolo.

 

Condividi questo articolo

guest
18 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
UnMilazzese
UnMilazzese
1 mese fa

Se non si riesce ad evitare questo scempio del Capo per questa manifestazione

PASSATE PAROLA: CHE NESSUNO VADA AL FESTIVAL

È l’unico modo rapido, civile e genuino per mostrare a questi Individui quanto non ne possiamo più di loro e delle loro azioni.
Solo per mostraglielo, non per farglielo capire perché, tanto, non capiscono e non vogliono capire

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Non si è mai visto su questa testata nessuno che criticato, rintuzza tutti i commenti. Si vede che falliti ha parecchio tempo da perdere e ritiene che solo lui detiene il “verbo” della salvaguardia dell’ambiente, datogli da 35 anni di assolutismo nella gestione del wwf.

Giacomo
Giacomo
1 mese fa

Falliti informati prima di straparlare e se hai coraggio intervieni sull’area del Cirucco che è veramente in area Sic ed è abbandonata al degrado…… Ma poi perché ti sei svegliato all’improvviso dal tuo letargo? Non ti ho visto mai insieme ai volontari a pulire le.spiagge al Capo …..

Semu cunsumati
Semu cunsumati
1 mese fa
Reply to  Giacomo

Sta solo cercando di far aprire gli occhi alla gente e di difendere quello che è nostro e che ci è stato preso, Capo compreso.
Menomale che c’è gente come lui, anzi dovrebbero riconoscergli i meriti e affidargli la gestione della AMP.

Libertà
Libertà
1 mese fa

Premesso che il Mish Nash non è il genere adatto alla location prevista. Forse neanche il castello non lo è!! Ma solo perché deve fare sbigliettamento occorre un’area chiusa . Detto ciò mi auguro che non succeda nulla poiché il rischio di imprevisti è alto

Giuseppe
Giuseppe
1 mese fa

Il signor io so tutto è come il papa che una volta eletto resta in carica sino alla morte. Ci faccia sapere quando è stata l’ultima volta che è stato rieletto e quanti sono i soci del WWF di Milazzo, familiari esclusi.

Giuseppe Falliti
Giuseppe Falliti
1 mese fa
Reply to  Giuseppe

Forse siamo centomila, in numero e qualità sufficiente perché lei possa godere di Capo Milazzo. Riesco ad esprimere la mia opinione senza tessere di alcun tipo, in virtù di onestà e competenza. Strappi la sua tessera di anonimo e provi ad occuparsi di Ambiente almeno per un 10% di quanto abbia io fatto!

Tony
Tony
1 mese fa

sarete anche centomila ma sono cento anni che non organizzate nulla

Gigi
Gigi
1 mese fa
Reply to  Tony

e si megghiu tu che ti passi a vita supra u divanu a lamentarti