Speculazione politica o dichiarazioni avventate? Le dichiarazioni del sindaco Pippo Midili sui termoutilizzatori (“È strano che in Sicilia la mafia e gli ambientalisti abbiano lo stesso obiettivo, cioè quello di non far chiudere le discariche” ) hanno tenuto banco anche nella seduta di ieri sera del consiglio comunale che, praticamente non ha affrontato altri argomenti. Pochi minuti prima era intervenuto sull’argomento anche Claudio Fava (Deputato ARS Centopassi e Presidente della Commissione Regionale Antimafia): «Equiparare in modo generico il movimento ambientalista e la mafia  e farlo, per di più, nel massimo luogo istituzionale rappresentato dal consiglio comunale è un fatto gravissimo. Una mancanza di rispetto per i tanti che, in una realtà complessa come quella del comprensorio milazzese, sono impegnati a difendere l’intero territorio dalle aggressioni di interessi che, spesso, confliggono con quelli generali delle comunità.  Qualora il sindaco abbia elementi su ingerenze, infiltrazioni o contiguità tra ambienti mafioso e associazioni ambientaliste sarebbe più opportuno recarsi nelle sedi istituzionali preposte e non lasciarsi andare ad affermazioni tanto gravi quanto sconsiderate».

Il sindaco, di solito sempre presente, ieri non ha preso parte ai lavori nell’aula Falcone – Borsellino. A difenderlo diversi consiglieri di maggioranza che hanno ritenuto l’intera vicenda frutto di «vera speculazione politica». E’ stato il consigliere di minoranza Antonio Foti ha riaccendere i riflettori ribadendo che «dopo le polemiche sarebbe auspicale registrare un passo indietro ed un chiarimento da parte del sindaco rispetto ad esternazioni completamente fuori luogo che rischiano di delegittimare e mortificare il lavoro delle realtà e delle associazioni ambientaliste condotto con tenacia nel corso degli ultimi anni». Dallo stesso la proposta di ricostituire la Consulta Ambientale.
A rincarare la dose il capogruppo della Lega, Damiano Maisano che ha invitato il sindaco a scusarsi con gli ambientalisti, chiedendo nel contempo al presidente Alessandro Oliva, la convocazione di una seduta straordinaria, alla presenza dei rappresentanti delle diverse associazioni, per discutere dei temi legati alla gestione del ciclo dei rifiuti e per superare “un incidente che rischia di avvelenare il dibattito politico in città”. «La verità è che questo sindaco, che non tollera critiche, si innamora spesso della propria voce e troppo spesso si lascia andare a considerazioni ed attacchi inopportune», ha detto.

Il consigliere Lorenzo Italiano ha ritenuto che il sindaco debba fare un chiarimento in aula consiliare per avere accomunato mafia e ambientalisti in tema di discariche, evitando in tal modo speculazioni in riferimento ai messaggi veicolati sull’argomento “che non servono a nessuno”.
Per la maggioranza invece Nino Italiano si continua con “le strumentalizzazioni e le speculazioni” perché ­ ha detto – è impensabile pensare che il sindaco possa associare una relazione tra le parti: mafia-ambientalisti, pur se questi ultimi –a suo dire- non si sono certamente battuti eccessivamente per problematiche ambientali connesse ad esempio alla presenza della raffineria”.
A non essere benevolo con gli ambientalisti neppure Pippo Doddo, nei confronti dei quali ha considerato sempre difficile alcun dialogo.
Sull’espressione usata dal sindaco si sono espressi anche Santi Saraò e Franco Rizzo il quale ha preannunciato a nome del suo gruppo un documento, sottolineando l’impegno del sindaco nel risolvere il problema dello smaltimento dei rifiuti e il risultato ottenuto nella raccolta differenziata “che ha raggiunto una percentuale mai toccata in passato”. «Una polemica sul nulla. Messa in piedi da chi non è abituato a non fare nulla come la recente esperienza amministrativa ci ha dimostrato», hanno scritto nel documento

DIETRO LE QUINTE. Interessanti gli aneddoti del consigliere ottantatreenne Pippo Doddo, il decano dell’aula, esponente della maggioranza del sindaco Midili. Durante il suo intervento ha ricordato:  «Ho lavorato 30 anni in raffineria e so cosa facevano gli ambientalisti. Perché passavano tutti da me, dal mio ufficio, di conseguenza tutti chiedevano…». Poi ha aggiunto: «Cuffaro voleva fare quattro termovalorizzatori in Sicilia ed è stato arrestato per questo motivo» (secondo le cronache in realtà fu condannato per favoreggiamento personale verso persone appartenenti a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio). Inoltre ha ricordato anche quando l’onorevole Merlino gli disse che Milazzo doveva diventare la Rimini della Sicilia («era l’’84-85 ed ero andato a raccomandare una persona»).

Condividi questo articolo
guest
10 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Angelo
Angelo
1 mese fa

certo non possiamo vantarci di questa classe politica che abbiamo eletto per guidare il comune di Milazzo e dobbiamo sottolineare che è stata voluta, con l’espressione del voto elettorale, dalla maggioranza dei cittadini. Certo è assurdo affermare, per qualunque problema non risolto da questa amministrazione, che la colpa è di Formica e della sinistra.

Giovanni
Giovanni
1 mese fa

Non sono a favore di questa maggioranza, ma credo che questa volta il sindaco ci abbia azzeccato “pensar male è peccato, ma spesso si indovina” (G.Andreotti).
Avanti senza paura Sindaco !!!

Jack
Jack
1 mese fa

Un sindaco che conosce bene i tecnicismi per amministrare.
Peccato che non ha i valori per amministrare.

Marco
Marco
1 mese fa

e bravo sindaco, veni sulu quannu ti cunveni!

Lulu
Lulu
1 mese fa

Deserta l’aula?E’ megghiu mi non ci va!In aula si va a deliberare non a sentire le chiacchiere che deve fare lui.E’ giornalista?Che le faccia sul suo giornale le barzellette.In aula si deliberano cose utili per la città e i cittadini senza buttare farina in aria come sempre avviene.3 ore di interventi preliminari o interrogazioni e mozioni di Antonio Foti inutili e niente delibere. ANDATE A CASA