L’Area Marina protetta “Capo Milazzo” è alla ricerca del direttore. Sulla Gazzetta ufficiale di oggi è stato pubblicato l’avviso della selezione pubblica, per  titoli  e  colloquio, deliberata dal Consiglio di amministrazione, per l’assunzione, a  tempo  determinato,  del  direttore/responsabile dell’ente che gestisce la riserva marina di Capo Milazzo.

 Il candidato selezionato a cui verrà affidato  l’incarico  per tre anni sarà inquadrato  con assunzione  a   tempo determinato nella qualifica dirigenziale col relativo trattamento economico di riferimento. Le domande vanno presentate entro le ore 12 del 27 maggio esclusivamente  tramite  Pec all’indirizzo amp.capomilazzo@pec.it
 I titolo richiesti sono diploma  di  laurea  universitaria  vecchio  ordinamento,  o lauree equivalenti (specialistica di cui al decreto  ministeriale  28 novembre 2000 o magistrale di cui al decreto  ministeriale  16  marzo 2007) in discipline tecnico-scientifiche  pertinenti  alle  finalità dell’area marina protetta o  economico-giuridiche  ed  aver  maturato un’esperienza almeno triennale in incarichi dirigenziali,  nel  campo tecnico amministrativo o gestionale. In alternativa al punto precedente oltre ad  essere  in  possesso  di diploma di scuola secondaria, aver  ricoperto  per  almeno  tre  anni l’incarico di direttore,  od  altra  posizione  equivalente  di  aree protette iscritte nell’elenco ufficiale delle  aree  protette  ovvero aver maturato un’esperienza almeno quinquennale come dirigente presso pubblica amministrazione.

Il testo integrale del  bando  e  l’allegato  «modello  A»  della domanda di ammissione alla selezione, pubblicati in formato  di  tipo aperto, sono disponibili  sul  sito  istituzionale  dell’Area  marina protetta   Capo   Milazzo   www.ampcapomilazzo.it    nella    sezione Amministrazione   trasparente   –   Avvisi   e    Bandi    di    gara (CLICCA QUI). Per informazioni e chiarimenti è possibile inviare mail al seguente indirizzo direttore@ampcapomilazzo.it

 

Condividi questo articolo
guest
4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Thunnus Thynnus
Thunnus Thynnus
1 mese fa

Che nessuno di quelli che la “gestiscono” abbia interesse a proteggere il mare si capisce subito. Chiunque sa che la posidonia inizia dalla Croce di mare e termina al Rotolo. Invece sta cosa senza senso parte dal cirucco…è evidente che la protezione del mare non è l’obiettivo di sta falsa AMP. Chi distruggeva sta continuando a farlo, ma stavolta è legalizzato

UnMilazzese
UnMilazzese
1 mese fa

Ma intanto il Gruppetto di Individui che gestisce, per i suoi scopi, questa presa in giro di finta AMP in salsa milazzese perché non si licenzia in blocco e lascia il posto a persone competenti che possano cambiarne scopi e legge istitutiva in modo da farla, finalmente, diventare una vera AMP?

Milazzese
Milazzese
1 mese fa

Speriamo ne arrivi uno competente

UnMilazzese
UnMilazzese
1 mese fa
Reply to  Milazzese

Purtroppo anche se ne arriva uno competente avrà paletti e limitazioni messe dal Gruppetto di Individui che c’è ora ed in particolare da chi ha creato questa farsa a danno di Milazzo e dei milazzesi da dentro e da fuori dell’amministrazione comunale anche in barba alle regole con cui vengono istituite e dirette le AMP (vere o fasulle che siano)