Si è insediata la Consulta giovanile del comune di Milazzo. E’ formata dai rappresentanti di una trentina di associazioni e movimenti cittadini. Ad essere stato eletto presidente è stato Gabriele Saija, giovane imprenditore, fondatore di una innovativa startup nel campo dei trasporti turistici. L’ufficio di presidenza è composto dal vicepresidente Piero Sgró, dal segretario Giammarco Codraro; dal membro aggiunto Manuel Lucamante e da Martina Bertè. Presenti al primo incontro che si è tenuto nell’aula consiliare il sindaco Pippo Midili, l’assessore alle Pari Opportunità Beatrice De Gaetano e il consigliere Antonio Foti che da sempre spinge affinché la consulta prevista nello statuto comunale diventasse operativa. All’interno della consulta sono rappresentate numerose associazioni giovanili e club service cittadini.

DIETRO LE QUINTE. Tra i componenti della consulta anche Marco Spada che rappresenta l’associazione “Il Tirrenico”. Il sodalizio, oltre ad esprimere compiacimento per l’elezione di Saija («una nomina nell’alveo del centrodestra, iniziamo col piede giusto»), ha anticipato che nella prossima seduta presenterà la prima proposta: cambiare il nome della Marina Garibaldi in Maria Luigi Rizzo.

 

Condividi questo articolo
guest
6 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Perepe'perepe
Perepe'perepe
11 giorni fa

… Lo spazzino diventa operatote ecologico, il sordo diventa diversamente abile,il cievo, non vedente, il bidello operatore scolastico, e così via di seguito. Cambiano nome ma non csmbiano né mansioni, né status. La solita mania di cambiare qualcosa per darsi l’sria di fsre cose. MA FINITELA DI INVENTARE STRONZATE E ANDATE A LAVORARE LA TERRA CHE CE N’È TANTA DA ZAPPARE!

Gianni
Gianni
12 giorni fa

sarebbe opportuno non “etichettare” i ragazzi con l’appartenenza politica o almeno non solo, ma far conoscere alla città il loro curriculum vitae (scuola frequentata, voto di diploma, corso di laurea, esperienze).Abbiamo bisogno di eccellenze e non di galoppini politici.

Elena
Elena
12 giorni fa

“Iniziamo col piede giusto”. Come no.

Roberto
Roberto
12 giorni fa

Appena eletti e gia sparano c***ate! Bravi questi giovani!! Cancellare oltre un secolo di storia e tradizione! La Marina Garibaldi resta!!

Polentone
Polentone
12 giorni fa

D’altronde non ci si poteva aspettare altro dai “ciovani” del Tirrenico. Hanno sempre una proposta imbarazzante per ogni occasione! ahahahahaha