I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno sottoposto a sequestro oltre 180.000 articoli di vario genere in un esercizio commerciale di Milazzo, gestito da un imprenditore cinese, perché privi dei requisiti minimi di sicurezza. Il titolare è stato segnalato alla Camera di Commercio di Messina per le sanzioni amministrative.

L’operazione è stata condotta dai militari della Compagnia Guardia di Finanza di Milazzo, coordinati dal Gruppo della città mamertina guidato dal tenente Colonnello Alessandro Freda.

Nel corso del controllo eseguito, le Fiamme Gialle sono state ritrovate una gran quantità di beni, dai semplici prodotti per la casa a piccolo giocattoli, sino a materiale elettrico, oggi tutti sequestrati, privi di informazioni minime tali da consentire all’acquirente di accertarne la provenienza, ovvero il materiale impiegato per il loro assemblaggio, nonché in taluni casi anche la mancanza del marchio “CE”, garanzia di conformità agli standard europei. La marcatura CE costituisce, infatti, un attestato di sicurezza a garanzia della filiera di produzione e dell’affidabilità dei materiali adoperati per la realizzazione degli articoli.

Condividi questo articolo
guest
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Cele
1 mese fa

Andrebbero fatti controlli periodici, ma su tutti i negozi (cinesi) e in tutto il paese perché stanno creando danni irreparabili alla ns salute ed al ns commercio interno. Nessuno delle istituzioni muove un dito sapendo che il 90% della merce al loro interno non é ne certificata e di conseguenza dannosa alla ns salute.
PERCHE’???????????????????????????????????????????????????????

pippo
pippo
1 mese fa
Reply to  Cele

andrebbero fatti controlli su TUTTE le attività, andrebbero fatti sul personale che ci lavora, se assunto e per quante ore (tornando più volte nella stessa giornata), se in c.integrazione e invece si è presenti al lavoro (succede spesso), se si viene retribuiti senza restituire parte dello stipendio (o della c.integrazione) al titolare, magari sono gli stessi a scandalizzarsi per il rdc

Gianni
Gianni
1 mese fa

Emettono gli scontrini fiscali ?

Pendolare
Pendolare
1 mese fa

È da anni che ci sono e se ne sono accorti adesso???? Bah…..

Gandalf
Gandalf
1 mese fa

Le attività commerciali dei cinesi andrebbero controllate tutte. Stanno appestando il mondo con la loro robaccia inquinante. Idem i depositi del Commercity a Roma dove stivano la robaccia che distribuiscono in tutta Italia. Quando comprare una matita per i vostri figli fatela anizzare prima e vi cascheranno le braccia..