Sarà l’autopsia a chiarire le cause della morte della piccola Hanin, la bambina di 11 mesi morta domenica scorsa all’ospedale di Milazzo. Oggi sarà conferito l’incarico al medico legale. Come atto dovuto la procura di Barcellona ha iscritto nel registro degli indagati due medici del Fogliani.

Hanin, era figlia di una coppia di origine tunisina che risiede a Terme Vigliatore. A presentare l’esposto i genitori che chiedono di accertare i motivi del decesso. I legali della famiglia hanno richiesto accertamenti tecnici urgenti e il sequestro delle cartelle cliniche (avvocati Gaetano Pino e Carmelo Pino). La piccola era stata sottoposta al vaccino obbligatorio lo scorso 6 aprile, ma nei giorni successivi aveva accusato una stato febbrile intenso (quasi 40).

A quel punto i genitori hanno chiesto l’intervento del 118, con la bambina trasportata al Pronto soccorso del nosocomio milazzese. Dal quale è stata dimessa poche ore dopo. Ma nella notte le condizioni si sono aggravate domenica mattina un secondo intervento del 118, chiamato sempre dai genitori. Secondo i medici al momento dell’arrivo dell’ambulanza la bimba sarebbe già spirata. La famiglia sostiene il contrario. A seguire le indagini il sostituto procuratore Dora Esposito.

Condividi questo articolo