Una straordinaria occasione per promuovere le bellezze non solo del mare e dei fondali di Capo Milazzo ma dell’intera città. Ieri l’Area Marina Protetta “Capo Milazzo” è stata al centro della lunga maratona promossa sui social dal ministero della Transizione ecologica per festeggiare la Giornata nazionale del Mare istituita nel 2017.
Il video realizzato alla fine dello scorso anno dal Consorzio di gestione e realizzato da Giuseppe La Spada ha aperto il programma, subito dopo il saluto del ministro Roberto Cingolani, precedendo poi la breve intervista al direttore generale per il mare e le coste Carlo Zaghi, che ha illustrato le azioni messe in campo dal Ministero soffermandosi proprio sul sistema delle aree marine protette.
«Una grande vetrina promozionale per la nostra città e per il nostro mare – ha detto il presidente Giovanni Mangano – e credo, per la risonanza di questa iniziativa del Ministero, che mai potevamo immaginare una capillare diffusione di quello che rappresenta l’Amp “Capo Milazzo” che è la riserva marina più giovane d’Italia per istituzione, ma quella che presenta una grandissima biodiversità, quasi unica, con flora e fauna di particolare interesse e soprattutto una qualità elevatissima delle acque come emerso anche dall’ultimo monitoraggio effettuato da Marevivo e dall’Università di Messina».
Grande anche la soddisfazione del sindaco Pippo Midili, presidente dell’assemblea dei soci dell’Amp. «Per Milazzo l’Area Marina è stata una grande conquista, fortemente voluta già dal 2010 da un gruppo di associazioni e dell’amministrazione del tempo che ne ha sponsorizzato l’istituzione. Sono certo che potrà dare tanto in termini di sviluppo e di rilancio turistico. Un’opportunità tale da rappresentare un valore aggiunto per la nostra offerta turistica oltre un importante strumento di tutela del nostro territorio. L’ambiente di Capo Milazzo, sia terrestre che marino, ha potenzialità che possono rappresentare un concreto volano di sviluppo e quindi occorre una gestione attenta per la sua valorizzazione».

Condividi questo articolo
guest
4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
UnMilazzese
UnMilazzese
2 mesi fa

Per Milazzo una vera area marina protetta sarebbe una grande conquista
Quella che invece l’amministrazione cittadina precedente ed il Gruppetto di Individui che la gestisce e ci sguazza dentro hanno fatto è solo una presa in giro, una finta AMP ed una Riserva di Pesca Protetta per pescatori professionisti.
Altro che protezione dell’ambiente marino!!!

Peppe
Peppe
2 mesi fa
Reply to  UnMilazzese

Scusa senza alcuna polemica ma potresti spiegare bene e con esattezza cosa ti fa’ essere contro questa che a me sembra una ottima iniziativa. In sintesi come secondo te dovrebbe essere o sei contrario a prescindere.

UnMilazzese
UnMilazzese
2 mesi fa
Reply to  Peppe

No, non sono contrario a prescindere ed anzi sono favorevole a un’area marina protetta al Capo e si sarebbe dovuta fare già molti anni prima
Basta documentarsi su come sono fatte altre AMP per capire che più di qualcosa di strano a Milazzo c’è. Bisogna anche documentarsi su come sono state definite e sull’iter per approvarle. Anche qui ci troverà qualche sorpresa

Thunnus Thynnus
Thunnus Thynnus
2 mesi fa
Reply to  UnMilazzese

Sono perfettamente d’accordo.
L’AMP era l’unico modo per salvare il mare di Milazzo dalla distruzione della pesca “professionale” indiscriminata e invece viene usata come strumento per consentire a chi ha rovinato tutto di continuare a farsi i suoi comodi.
Hanno creato uno spot di pesca privato a chi da anni rovina il mare e il fondale e può continuare indisturbato anzi, legalmente legittimato.