«I tempi di attesa per le prenotazioni delle visite cardiologiche sono una vergogna». Il grido di allarme parte dal presidente dell’associazione di volontariato messinese “Donare è Vita” Gaetano Alessandro che, nei giorni scorsi, ha inviato una lettera al presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci. «La nostra associazione – dice il Alessandro – da sempre lotta per la tutela dei diritti del malato, per questo motivo su questa situazione non possiamo tacere».

«Con questa lettera – scrive –  è mia intenzione dimostrare il rammarico e tutto il mio disappunto. E’  vergognoso sentirsi dare una data di prenotazione per una visita cardiologica che varia tra luglio e settembre 2021 (nella migliore delle ipotesi). E non solo. La cosa più grave è che nelle richieste con urgenza entro le 72 la prima data utile è maggio 2021 e in alcuni casi non viene neanche prenotata. Non parliamo, poi di altri esami come tac, risonanze, visite pneumologiche, oncologiche e alcune tipologie di visite pediatriche». «Per questo – conclude –  la inviatiamo ad intervenire tempestivamente e fare luce sulla situazione risolvendo il problema. Non possiamo permettere che questi ritardi siamo attribuiti ai problemi organizzativi legati alla pandemia. Non si muore solo di Covid».

P.R.

Condividi questo articolo