Alfredo Campennì, ricercatore milazzese del Dipartimento di Scienze Biomediche, Odontoiatriche e delle Immagini Morfologiche e Funzionali (BIOMORF) dell’Ateneo e operante nell’U.O.C di Medicina Nucleare della A.O.U. “G. Martino” diretta da Sergio Baldari, grazie al proprio curriculum scientifico, è stato selezionato per la posizione di componente il ThyroidCommittee dell’EuropeanAssociation of Nuclear Medicine, risultando primo su ventisei candidati. Il comitato è un organo societario composto da solo dieci medici nucleari europei, riconosciuti, in base alla loro attività scientifica, come esperti di patologie tiroidee benigne e maligne (carcinoma differenziato).

Il ThyroidCommittee è finalizzato a promuovere l’avanzamento delle conoscenze e ad aggiornare e ottimizzare la formazione in ambito medico-nucleare. I suoi componenti sono responsabili della stesura delle linee guida societarie, partecipano alla pubblicazione di documenti scientifici e didattici condivisi, contribuiscono al programma educativo della European School of MultimodalityImaging&Therapy e all’organizzazione del congresso annuale della Società Europea di Medicina Nucleare, promuovono progetti scientifici multicentrici e di rete con altre società scientifiche e con la associazioni nazionali di medicina nucleare dei diversi paesi europei ed extra-europei, inclusa la società americana. Un primo e importante impegno del comitato è la stesura delle linee guida congiunte europee e americane per il trattamento con 131-radioiodio della patologia benigna della tiroide (es. ipertiroidismi), che vedrà il Dr. Campennì coinvolto in prima persona come coordinatore europeo.

Condividi questo articolo