A sorpresa il sindaco di Santa Lucia del Mela, Matteo Sciotto è il nuovo presidente del Distretto socio-sanitario D27. E’ stato eletto dal Comitato dei sindaci dei 13 Comuni che fanno parte del distretto milazzese, con sette voti. Quattro invece le preferenze raccolte dal sindaco di San Filippo del Mela, Gianni Pino, una scheda bianca. Unico Comune assente Gualtieri Sicaminò.

L’elezione, in base alle indiscrezioni trapelate alla vigilia tra gli addetti ai lavori, ha avuto un finale a sorpresa. Sembrava che l’incarico di rappresentanza dovesse finire al sindaco di San Filippo del Mela Gianni Pino che avrebbe avuto rassicurazioni fino a tarda sera, ma nelle ore precedenti al voto la politica si è mossa in altre direzioni. Il voto è stato segreto ma a votare Sciotto – con la benedizione del deputato Pippo Laccoto – sarebbero stati Santa Lucia del Mela, Torregrotta, Condrò, Roccavaldina, Monforte e Venetico, Spadafora. A non tradire Pino e rispettare gli impegni sarebbero stati Milazzo, Pace del Mela lo stesso San Filippo del Mela e San Pier Niceto anche se tanti rappresentanti dei comuni negano di avere fatto un passo indietro rispetto agli accordi. L’assenza di Gualtieri Sicaminò sarebbe stata strategica visto che i rapporti con Sciotto, ultimamente, non sarebbero idillici e non si sarebbe voluto acuire ulteriormente lo scontro.

La riunione si è svolta nell’aula consiliare del Comune di Milazzo, è stato il presidente uscente Corrado Ximone a presentare la relazione di fine mandato.

Quindi la votazione con l’elezione di Sciotto alla presidenza, mentre il vicepresidente sarà il sindaco di Spadafora, Tania Venuto.

Il neo Presidente Sciotto, dopo aver ringraziato i presenti, ha rinviato alla prossima seduta la trattazione della Proposta di delibera relativa alla destinazione delle somme distrettuali residue di cui al Fondo Emergenza Covid 19. 

A seguire l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Milazzo Simone Magistri ha  proceduto ad illustrare la proposta di delibera relativa all’istituzione del Punto Unico di Accesso ed alla strutturazione della cartella socio sanitaria informatizzata. Si tratta di un’iniziativa di notevole importanza promossa dall’Asp Messina, che non comporta alcun onere finanziario a carico dei comuni e che permetterà il rafforzamento dell’integrazione tra i servizi sanitari e socio-assistenziali.

Più nel dettaglio, come esposto da Magistri e dal funzionario del distretto Filippo Santoro, si procederà alla creazione – in primis presso l’ufficio dei servizi sociali del Comune di Milazzo – di un punto di raccolta di tutte le segnalazioni e le istanze di carattere socio-assistenziale e/o sanitario avanzate dal cittadino, nonché alla realizzazione di una piattaforma centralizzata che metterà in rete l’Asp e tutti i comuni del distretto socio sanitario D27 al fine di fornire un’unica, tempestiva ed appropriata risposta alla domanda di salute, ovvero di carattere socio-assistenziale, avanzata dal cittadino.

Nei prossimi giorni si procederà alla sottoscrizione dell’accordo quadro con l’Asp Messina, rappresentata nell’occasione dalla dottoressa Patrizia Napoli, che ha fornito ai presenti tutte le informazioni necessarie ai fini della tempestiva attivazione del progetto.

L’assessore Magistri ha poi proceduto ad illustrare la proposta relativa all’attivazione del piano distrettuale relativo al progetto di housing sociale “Dopo di noi”, già finanziato dalla Regione Siciliana per un importo complessivo di 167.000 euro, che prevede l’attivazione di percorsi programmati di accrescimento della consapevolezza e dell’autonomia delle persone con disabilità inserite allo stato presso strutture residenziali, ovvero mancanti di entrambi i genitori.
Nell’ambito della progettualità, che sarà condivisa nel corso delle prossime riunioni del comitato dei sindaci con le associazioni di promozione e tutela dei diritti delle persone disabili, è prevista altresì la realizzazione di innovative soluzione alloggiative autonome fondate su forme di mutuo aiuto tra le persone con disabilità, anche al fine di favorire soggiorni temporanei al di fuori del contesto familiare.

Condividi questo articolo

guest
4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Salvo
Salvo
1 mese fa

Mi dispiace per Gianni Pino, paga lo scotto di essere amico di Calderone

Luigi
Luigi
1 mese fa

Neanche col voto di Gualtieri e con quello della scheda bianca avrebbe raggiunto i 7 necessari. Non è che per forza bisogna trovare lo scandalo in tutto in stile elezioni USA. Evidentemente non è stato considerato all’altezza.
Noto pure che si parla di “benedizione di Laccoto” e mi chiedo se il sindaco Pino avesse a sua volta ricevuto benedizioni da qualche Onorevole, se si è dato sapere chi?

nino malfi
1 mese fa

sono tutte chiacchiere e prese per i fondelli . NINO MALFI

Antonio
Antonio
1 mese fa

Visto che i CPI sono ingessati dai virus, istituite all’ufficio servizi sociali del comune di Milazzo anche una piattaforma informatica dei disoccupati, attenzione–> residenti esclusivamente a Milazzo e aziende del D27 che cercano personale, saluti.