ore 6: Questa la composizione del consiglio comunale secondo dati NON UFFICIALI (37 sezioni su 37). CLICCA QUI PER LEGGERE I RISULTATI DI TUTTI I CANDIDATI ALLE AMMINISTRATIVE 2020:

CLICCA QUI PER LEGGERE IL RISULTATO DELLE SINGOLE LISTE

IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE (DATI NON UFFICIALI)

DIVENTERA’ BELLISSIMA

Mario Sindoni (505), Maria Magliarditi (472), Alessia Pellegrino (461), Rosario Piraino (447)

FORZA ITALIA

Santino Saraò (420), Alessandro Oliva (285), Maurizio Capone (220)

MILAZZO 2020

Lidia Russo (416), Maria Sottile (359), Franco Rizzo (351), 

MILAZZO CITTA’ FUTURA

Valentina Cucuzza (224) Franco Russo (209)

FARE MILAZZO

Santina Sgrò (337), Danilo Ficarra (301)

INNAMORATO DELLA MIA CITTA’

Massimo Bagli (320), Sebastiana Bambaci (319)

FRATELLI D’ITALIA

Italiano Nino (309)

INSIEME PER MILAZZO

Pippo Doddo (186)

 CANDIDATO SINDACO

Lorenzo Italiano

LORENZO ITALIANO SINDACO (lista)

Pippo Crisafulli (244), Antonino Amato (236)

LEGA

Damiano Maisano (237), Alessio Andaloro (227)

ADESSO MILAZZO

Antonio Foti (261)

Ore 23:30 – Ecco i consiglieri più votati di ogni lista secondo i dati ufficiali di 22 sezioni su 37. Solamente i candidati delle liste che supereranno la soglia di sbarramento del 5% entreranno in Consiglio comunale. Per le liste sotto questa soglia abbiamo inserito solamente il candidato attualmente più votato:

LISTE MIDILI

Milazzo 2020 8,34%
Russo Lydia 259
De Gaetano Francesco 217
Rizzo Francesco 190
Sottile Maria 178
Magistri Simone 115

Diventerà Bellissima 11,18%
Magliarditi Maria 264
Sindoni Mario Francesco 258
Piraino Rosario 248
Pellegrino Alessia 229
Nastasi Gianfranco 173

Fratelli d’Italia 5,73%
Italiano Antonino 172
De Gaetano Giuseppina 127
Torre Carmelo 123
Cusumano Maria Rosaria 107

Alleanza per Milazzo 4,81%
Coppolino Francesco 166

Insieme per Milazzo 5,5%
Doddo Giuseppe 100
Betto Ada 81
La Malfa Maria 81

Innamorato della mia città 5,74%
Bagli Massimo 170
Bambaci Sebastiana 156
Petrella Antonino 101

Fare Milazzo 6,58%
Sgrò Santina 245
Ficarra Danilo 210
Napoli Antonino 88
Lamberto Antonino 86

Forza Italia 9,95%
Saraò Santi Michele 264
Oliva Alessandro 164
Stagno Giuseppe 131
Capone Maurizio 104
Calascione Santina 103

Milazzo Città Futura 6,79%
Sottile Alisia 137
Valentina Cocuzza 106
Francesco Russo 92
Rocco Lombardo 91
Gabriele Pergolizzi 85

LISTE ITALIANO

Lorenzo Italiano Sindaco 9,57%
Giuseppe Crisafulli 157
Irene Torre 142
Antonino Amato 118
Lorenzo Italiano 105

Amiamo Milazzo 1,69%
Maurizio Capone 60

Noi Milazzesi 0,52%
Raffaella Villa 9

LISTE MAISANO

Lega Salvini 7,25%
Alessio Andaloro 151
Damiano Maisano 130
Pizzurro Nunziato 94
De Luca Rosaria Maria 87
Bartolomeo Antonella 75

Per Milazzo 0,77%
Salvatore Oliva 18

UTANO SINDACO

Azione Civica per Milazzo 1,85%
Santina Dante 35

Movimento Cinque Stelle 2,63%
Cinzia Alibrandi 56

ABBRIANO SINDACO

Partito Democratico 4,06%
Ciccio Italiano 92

ROSELLI SINDACO

Adesso Milazzo 4,55%
Antonio Foti 121

MUNAFO’ SINDACO

Città Libera Milazzo 2,48%
Rosanna Giunta 101

 

Ore 22:45 –I voti definitivi di lista di 22 sezioni su 37
(in evidenza le liste oltre la soglia di sbarramento al 5%)
:

Azione Civica per Milazzo 1,85%
M5S 2,63%

Adesso Milazzo 4,55%

Lega Salvini 7,25%
Per Milazzo 0,77%

Milazzo2020 8,34%
Diventerà Bellissima 11,18%
Fratelli D’Italia 5,73%
Alleanza per Milazzo 4,81%
Insieme per Milazzo 5,50%
Innamorato della mia città 5,74%
Fare Milazzo 6,58%
Forza Italia 9,95%
Milazzo Città Futura 6,79%

Noi Milazzesi 0,52%
Amiamo Milazzo 1,69%
Lorenzo Italiano Sindaco 9,57%

Partito Democratico 4,06%

Città Libera Milazzo 2,48%

Ore 22:20 – Continuano a essere 19 le sezioni ufficialmente scrutinate. Ne mancano ancora 18 all’appello, praticamente la metà. Si preannuncia una lunga notte di calcoli. L’unico a essere sicuro dell’elezione a consigliere comunale, al momento, resta Lorenzo Italiano: grazie alla nuova legge elettorale, ha ottenuto il posto in quanto ha superato il 20% delle preferenze nella corsa a Sindaco classificandosi secondo.

Ore 21:50I voti definitivi di lista di 19 sezioni su 37
(in evidenza le liste oltre la soglia di sbarramento al 5%)
:

Azione Civica per Milazzo 1,88%
M5S 2,73%

Adesso Milazzo 4,32%

Lega Salvini 7,31%
Per Milazzo 0,73%

Milazzo2020 8,2%
Diventerà Bellissima 11,11%
Fratelli D’Italia 5,69%
Alleanza per Milazzo 4,49%
Insieme per Milazzo 5,62%
Innamorato della mia città 5,87%
Fare Milazzo 6,69%
Forza Italia 10,17%
Milazzo Città Futura 7,06%

Noi Milazzesi 0,5%
Amiamo Milazzo 1,54%
Lorenzo Italiano Sindaco 9,6%

Partito Democratico 3,78%

Città Libera Milazzo 2,7%

Ore 21:40Maurizio Munafò, candidato a sindaco arrivato al 3% con una lista civica: “Partiti più blasonati di noi sono rimasti dietro mentre altri ci hanno sorpassato di poco. Considerate le forze in campo sono soddisfatto. Quando finiscono le elezioni tutti dicono di aver vinto. Noi siamo arrivati ultimi ma ringrazio i 24 valorosi che si sono candidati con me. Sono arrivato al 3% quando ci veniva detto da più parti che non saremmo riusciti nemmeno a presentare la lista. Non voglio essere presuntuoso ma senza la mia candidatura una buona parte di quel 3% non sarebbe andato a votare. Questa è la democrazia partecipata: ogni candidato esprime un circuito. Io ho voluto dare voce agli invisibili. Questo 3% non è tanto ma non è neanche poco. Soprattutto se pensiamo che PD e 5 Stelle sono sulle nostre stesse cifre”.

Ore 21:35I voti definitivi di lista di 16 sezioni su 37
(in evidenza le liste oltre la soglia di sbarramento al 5%)
:

Azione Civica per Milazzo 2%
M5S 2,7%

Adesso Milazzo 4,7%

Lega Salvini 7,3%
Per Milazzo 0,8%

Milazzo2020 8,3%
Diventerà Bellissima 11%
Fratelli D’Italia 5,7%
Alleanza per Milazzo 4,5%
Insieme per Milazzo 5,3%
Innamorato della mia città 6%
Fare Milazzo 6,7%
Forza Italia 9,6%
Milazzo Città Futura 6,7%

Noi Milazzesi 0,6%
Amiamo Milazzo 1,5%
Lorenzo Italiano Sindaco 9,6%

Partito Democratico 3,7%

Città Libera Milazzo 2,8%

Ore 21:25 – Con l’elezione di Pippo Midili a Sindaco di Milazzo, ecco i nomi dei primi componenti della Giunta comunale. Gli Assessori designati sono: Santi Romagnolo, Franco Cusumano, Gaetano Nanì e Antonio Nicosia.

Ore 21:20 – Chiude Pino Galluzzo con un attacco nemmeno troppo velato a parte dell’opposizione: “Midili è stato scelto perché sa dire anche di no. Con la sua indole nessuno riesce a imporsi su di lui. Resta l’amaro in bocca che sono arrivati grandi attacchi, anche alla mia persona, da chi si è consumato le scarpe per fare la salitina di casa mia cercando di capire se lo appoggiassi o meno. Sempre nel salotto di casa mia e non su mia richiesta”.

Ore 21:15 – Continua Pippo Midili: “Vorrei ringraziare chi è andato a votare, sia per me che per gli altri. Il voto non è stato facile, in un periodo per nulla facile. L’affluenza è stata molto alta, espressione di una popolazione che aveva voglia di riattivare la vita della città dopo un periodo buio come quello appena attraversato. Ringrazio i 5 consiglieri comunali uscenti che mi hanno indicato come guida amministrativa della città, standomi sempre accanto. Grazie ai deputati che mi hanno sostenuto e a tutti i candidati delle 9 liste che mi hanno supportato, mi rammarico solo ed esclusivamente che sia arrivata la pioggia a frenare un po’ gli entusiasmi. E credo che la mia mole abbia impedito per la prima volta di sollevare il sindaco appena eletto (ride NdR). Quando ho pensato di aver vinto? Dico la verità: mercoledì, quattro sere fa, sono andato in periferia, in alcune abitazioni con persone che avevano voluto organizzare degli incontri. Tutti dicevano che fossi debolissimo in periferia e invece vedevo tantissima gente interessata al mio programma e a cosa volessi fare per la loro zona. Dalle loro domande ho cominciato a capire che avevamo aperto una breccia importantissima. Adesso c’è tantissimo da fare, la situazione non facile: gli assessori dovranno iniziare a lavorare tutti i giorni alle 8 di mattina e per almeno due anni si dovranno dimenticare di andare a casa per riposare”.

Ore 21:10 – Pino Galluzzo, deputato all’ARS e componente di Diventerà Bellissima, prima lista in territorio milazzese: “Complimenti a Midili che ha saputo tenere il ghiaccio in tasca anche quando arrivavano attacchi personali di cattivo gruppo. Io non amministrerò questa città, vorrò essere il punto di riferimento alla Regione, insieme al presidente Musumeci, di Milazzo. E’ stato di cattivo gusto creare consenso sull’anti-barcellonesità, siamo nel 2020 e i territori devono collaborare. Barcellona e Milazzo hanno la responsabilità di tirare insieme le sorti di più della metà della Provincia, forse più di Messina stesse. Più che di politica ponderata ho sentito parole da tifoserie di calcio. E questo mi ha lasciato l’amaro in bocca. Vivo questa città da 10 anni, mia moglie lo fa da 40 anni. Io sono residente a Barcellona ma vivo a Milazzo, città in cui è residente mia moglie. Dico solo che tutti e 390 i Comuni fanno a gara per incontrare il presidente della Regione per proporre qualcosa o sottolineare una problematica. Mentre Milazzo, come detto da Musumeci, non l’ha mai fatto. I veleni del passato hanno caratterizzato la campagna elettorale ma Midili non ha mai risposto a queste provocazioni perché ha veramente la voglia di fare il sindaco dei milazzesi. Milazzo ha bisogno di chiudere questa lunga fase di scontri, ora si apre una nuova pagina di serenità e competenza. Sono orgoglioso che Diventerà Bellissima, espressione del presidente regionale e che rappresento, è probabilmente il primo partito in città. E non vedo l’ora di mettermi al lavoro da Palermo per questa città che amo moltissimo”.

Ore 21Pippo Midili, neo-sindaco della città di Milazzo, ai nostri microfoni: “L’emozione è stata grande. Il trend è iniziato sin da subito e si è mantenuto costante per tutta la giornata. Non abbiamo perso nessuna sezione, siamo usciti primi ovunque. Devo particolarmente ringraziare i milazzesi della Piana, delle periferie, che sono stati travolgenti col loro affetto. Molti hanno detto che avevo una corazzata ma la vera corazzata era quella dei nostri avversari con 6 candidati sindaco e 10 liste. Nonostante le richieste di voto trasversale abbiamo vinto. Ho dimenticato tutto quello che è stato detto in campagna elettorale. Scompare per la prima volta dal panorama il centro-sinistra. Mi ero quasi dispiaciuto, poi ho pensato che gli errori si pagano e questo è il risultato di tantissimi errori commessi in campagna elettorale. Il 20% in meno di voti miei rispetto alle mie liste? Il 15% è un dato fisiologico, il restante 5% è frutto di richieste pressanti con promesse elettorali in caso di ballottaggio. Circolavano sondaggi che mi davano al 39 o al 28%. La realtà è che prendiamo oltre 200 voti a seggio alla Piana. E la demonizzazione della mia persona ha portato all’effetto contrario. Poco fa ho sentito Lorenzo Italiano dire che nel 2010 aveva perso in maniera più dignitosa. Vorrei ricordargli che ha preso meno del 40% e non ce l’avrebbe fatta nemmeno questa volta in quella che lui chiama legge truffa. Ed è arrivato alla terza sconfitta elettorale. Sono contento che entra da consigliere comunale per portare avanti un’opposizione dura, seria e ferrata come ritengo che lui farà”. Chiusura con ironia: “Finora non ho mai parlato dei posti di lavoro del Comune , visto che in campagna elettorale sentivo di gente che aveva già sistemato 250 vigili urbani e 400 impiegati. Ne sto parlando oggi perché questi posti si sono liberati e, seriamente, li copriremo dopo la stabilizzazione del personale precario”.

Ore 20:50I voti definitivi di lista di 12 sezioni su 37
(in evidenza le liste oltre la soglia di sbarramento al 5%)
:

Azione Civica per Milazzo 2,34%
M5S 2,45%

Adesso Milazzo 4,81%

Lega Salvini 6,7%
Per Milazzo 0,68%

Milazzo2020 8,66%
Diventerà Bellissima 10,75%
Fratelli D’Italia 5,69%
Alleanza per Milazzo 4,83%
Insieme per Milazzo 5,48%
Innamorato della mia città 5,92%
Fare Milazzo 7,36%
Forza Italia 9,93%
Milazzo Città Futura 6,51%

Noi Milazzesi 0,55%
Amiamo Milazzo 1,71%
Lorenzo Italiano Sindaco 9,21%

Partito Democratico 3,46%

Città Libera Milazzo 2,95%

Ore 20:40 – I dati sono ancora parziali ma si profila una pesantissima sconfitta per la sinistra a Milazzo. La destra, infatti, tra le liste del neo-sindaco Midili, del secondo classificato Italiano e della Lega di Maisano, sta per ottenere 24 seggi sui 24 disponibili in consiglio comunale. Nessuna lista di sinistra, al momento, è riuscita a superare lo sbarramento del 5%. Spera ancora la lista civica collegata a Roselli (Adesso Milazzo),  attualmente al 4,6%. Crollo del PD, fermo al 3,6% e lontanissimo alla meta. Molto male anche le liste collegate a Utano, nonostante il buon risultato personale: il Movimento 5 Stelle è intorno al 2,3%.

Ore 20:30 – Damiano Maisano, candidato sindaco della Lega fermatosi al 7%: “Ci aspettavamo da un altro risultato ma siamo comunque contenti. La Lega c’è ed è radicata, è uno dei partiti più forti a Milazzo. Ringrazio chi mi ha supportato, tutto il partito è stato con me. Faccio un grosso in bocca al lupo al nuovo sindaco e a chi non ce l’ha fatta dico che torneremo più forti di prima. Cosa non ha funzionato? Penso che abbiam fatto una bella campagna elettorale. Democraticamente i nostri cittadini hanno scelto il consigliere, oggi Sindaco, Midili. Per noi il voto di oggi è comunque un punto di partenza”.

Ore 20:25Nino Italiano, consigliere sindaco uscente: “Il voto disgiunto ci è stato ma non c’è da meravigliarsi così tanto. Quando viene a mancare la disciplina politica visto che i partiti sono i grandi assenti, è normale che il cittadino decida di scegliere il sindaco che vuole e non quello dell’area a cui appartiene. Uniti si vince, divisi si perde sempre. E la sinistra ha perso malamente”.

Ore 20:20 – Il sindaco uscente Giovanni Formica risponde al suo successore: “Faccio i migliori auguri a Pippo Midili perché so quant’è difficile il compito che lo attende. Il fatto che non ci sia il centrosinistra significa che non avrà alibi perché non potrà dire che qualcuno gli ha impedito di essere bravo. Ora metteremo mano alla sinistra, per ricostruirla in questa città. Capisco che la mia ombra si allunga sulla sua sindacatura: è giusto che sia così, è bello che sia così. Eredita il nostro lavoro di risanamento e spero che completerà quanto fatto finora. Se non lo farà, a prescindere se il centrosinistra sarà in aula o meno, sicuramente scenderemo in piazza”.

Ore 20:15PIPPO MIDILI NUOVO SINDACO DI MILAZZO. FESTEGGIAMENTI IN CORSO. LE PRIME PAROLE DEL SINDACO A OGGI MILAZZO E RADIO MILAZZO: “Sono felice. Ne ho sentite tante e continuo a sentirne tante ancora adesso. Gradirei che la gente si rendesse conto che questa città ha bisogno di qualità e lavoro, non di chiacchiere. C’è chi è contento di aver perso per la terza volta, sono contento per lui che abbia perso per la terza volta (il riferimento è a Lorenzo Italiano NdR), io sono contento di aver vinto per la prima. Sono felice di andare ad amministrare questa città per 5 anni e mi auguro che se avrò problemi sarà l’opposizione a dare una mano a questa città. Non ho intenzione di festeggiare se non riposando per un paio d’ore. Vorrei ringraziare uno ad uno i cittadini della piana, decisivi per la mia vittoria. Dalla periferia così bistrattata è partita la corsa verso questa elezione. C’è un fatto storico: il centrosinistra per la prima volta non entra in consiglio comunale, affossato dall’ex sindaco di questa città. Mi spiace per qualche giovane interessante e penso ai tanti giovani che sono andati via in questi ultimi anni. Se qualcuno non mi ha amato, sarà l’occasione per farmi amare”.

Ore 20:10Giovanni Formica sul consiglio comunale: “Con i dati attuali la coalizione che appoggia Midili otterrebbe 20 seggi su 24. Non so quanto sarà una cosa positiva e speriamo che la lista in appoggio di Adele Roselli e anche altre ottengano il 5% per poter entrare in consiglio”.

Ore 20I voti definitivi di lista di 5 sezioni su 37
(in evidenza le liste oltre la soglia di sbarramento al 5%)
:

Azione Civica per Milazzo 2,4%
M5S 2,3%

Adesso Milazzo 4,6%

Lega Salvini 7,2%
Per Milazzo 0,7%

Milazzo2020 8,1%
Diventerà Bellissima 9,9%
Fratelli D’Italia 5,6%
Alleanza per Milazzo 5,2%
Insieme per Milazzo 4,9%
Innamorato della mia città 5,4%
Fare Milazzo 4,7%
Forza Italia 11,0%
Milazzo Città Futura 7,8%

Noi Milazzesi 0,6%
Amiamo Milazzo 1,9%
Lorenzo Italiano Sindaco 9,3%

Partito Democratico 3,6%

Città Libera Milazzo 2,5%

Ore 19:50 – Gioacchino Abbriano (PD): “Sono entrato in campo per dare una mano al partito. Non mi interessa tanto il risultato personale quanto l’ottenere il 5% della lista del PD. Non inseguivamo sogni, sapevamo che la battaglia sarebbe stata dura ma sapevamo anche che dovevamo essere in campo con il nostro simbolo. Ce la siamo giocata tutta, fino in fondo e al meglio delle nostre possibilità, nonostante la partenza in ritardo”.

Ore 19:45Adele Roselli: “Siamo andati al di là delle più rosee aspettative. Sia perché siamo partiti tardi sia perché lo scotto del cittadino scontento di un’amministrazione uscente di centrosinistra l’avrebbe pagato il centrosinistra che si candidava. Ringrazio i cittadini che ci hanno scelto ma  il dato è veramente allarmante visto che si stava profilando un ballottaggio tutto a destra. Questi numeri non possono fare piacere: bisogna ricostruire la sinistra”.

Ore 19:40Antonio Foti, consigliere comunale uscente: “Al netto dei limiti del consiglio comunale, credo che quest’ultimo ha portato anche a dei risultati per Milazzo. Insieme al sindaco e agli uffici competenti è fatto un pezzo di strada verso il risanamento economico dell’ente. E, soprattutto all’inizio, questo consiglio ha trattato anche grandi temi del territorio, come la questione dell’inceneritore, in maniera netta”.

Ore 19:30Lorenzo Italiano attacca Midili: “Ancora il sindaco non c’è, aspetto l’ultimo voto che esce dalle urne. Capisco che molti brindano ma io aspetto fino alla fine. Mi spiace molto che la sinistra non abbia tenuto a Milazzo, mi riferisco al PD. E nemmeno la Lega ha tenuto, si pensavano altre percentuali in questo momento. Se il ballottaggio non si farà è perché non hanno retto altri candidati a sindaco. Il dato di Midili resta comunque pessimo: nonostante le tante liste e i partiti che lo sostengono, questo dato sottolinea che questo candidato a sindaco non ha avuto il gradimento della città. Ricordo che nel 2010 io ero il candidato del centrodestra e io presi più o meno gli stessi voti delle tante liste che mi sostenevano. Io capo dell’opposizione? Non sarò l’unico, ognuno lo è del suo partito o della sua coalizione. Io sarò il capo dell’opposizione della mia area di riferimento, sicuramente non potrò esserlo del PD (ride NdR)”.

Ore 19:20 – Secondo i dati raccolti da Smedili per Oggi Milazzo, su un campione pari all’80% delle schede totali, Adele Roselli sorpassa al terzo posto Giovanni Utano. Confermato Midili in testa con oltre il 40%.

Ore 19:10Gisella Puleo, comandante della Polizia Locale, analizza la situazione dei Vigili Urbani : “Abbiamo 5 unità in ruolo di cui una andrà in pensione il prossimo anno. Poi ho 12 unità in contratto part-time (circa 3 ore al giorno) di cui una andrà in pensione il prossimo mese. Il personale è eccellente e compie sforzi incredibili, considerando anche l’età elevata. In pianta organica siamo 40 ma eravamo prima 80 e poi 60”.

Ore 19:05Giovanni Formica ritorna sul suo mandato e sui problemi economici di Milazzo: “Provo a fare autocritica. Se una città elegge costantemente 5 consiglieri che hanno un patronato, significa che il consenso in città è costruito sul bisogno. In questo siamo un po’ provinciali. A maggior ragione se queste persone, già elette in precedenti occasioni, non hanno brillato per partecipazioni, per proposte, per attivismo. Il dato elettorale consegna una fotografia della città, non il miglior risultato possibile. Il neo-sindaco della nostra città, non ha votato nemmeno i suoi bilanci che ho approvato io: quelli del 2013, 2014 e 2015, quando io non c’ero. C’è una grossa responsabilità anche di quella amministrazione nei problemi economici della città: mi sono insediato e ho trovato 3 milioni di euro di bollette non pagate post-dissesto, quando il Comune doveva essere un orologio e non hanno funzionato. E magari non hanno funzionato nemmeno sotto la mia gestione. Noi però lasceremo un 2020, in pratica tutto della mia amministrazione, con quasi 40 milioni di euro di avanzo della mia amministrazione”.

Ore 19I voti definitivi di 5 sezioni su 37:

Azione Civica per Milazzo 2,6%
M5S 2,8%

Adesso Milazzo 4,5%

Lega Salvini 7,6%
Per Milazzo 0,9%

Milazzo2020 8,2%
Diventerà Bellissima 10,4%
Fratelli D’Italia 5,7%
Alleanza per Milazzo 5,3%
Insieme per Milazzo 5,4%
Innamorato della mia città 4,9%
Fare Milazzo 7,2%
Forza Italia 11,4%
Milazzo Città Futura 6,8%

Noi Milazzesi 0,7%
Amiamo Milazzo 1,7%
Lorenzo Italiano Sindaco 7,9%

Partito Democratico 3,5%

Città Libera Milazzo 2,3%

Ore 18:55Giovanni Utano, candidato a sindaco dei 5 Stelle: “Sono soddisfatto del risultato, al momento sono al terzo posto dietro i due candidati di centro-destra. La mia novità sta pagando. Il risultato non è ancora finale e speriamo che le due liste arrivino al 5%. La città ha votato chi negli anni ha portato la situazione del dissesto, evidentemente Milazzo non si è accorta di come sono andate le cose negli ultimi 15 anni e quindi ha premiato le stesse persone. Sarebbe un dolore tornare a votare tra due anni. Il candidato Midili ha almeno il 15% in meno rispetto alle liste e quindi è in mano alle liste: ha poco potere decisionale. Formica, invece, aveva almeno il 60% I cittadini non potranno lamentarsi: le alternative c’erano, hanno preferito il solco della tradizione. Purtroppo continua a prevalere il bisogno personale e non quello collettivo”.

Ore 18:45 – In diretta Maurizio Capone, assessore designato di Lorenzo Italiano: “Ci aspettavamo risultato migliore con Amiamo Milazzo. Ringrazio i nostri candidati che erano tutti giovani ed alla prima esperienza. Il gruppo si è fatto promotore di una politica importante in questa città. Continueremo ad interessarci della politica di Milazzo, saremo presenti in maniera costruttiva”.

Ore 18:40 – Gli ultimi dati sui sindaci (copertura 71,2%, 13791 voti):

Midili 5947 43.2%
Italiano 3465 25.1%
Maisano 915 6.6%
Roselli 1262 9.2%
Utano 1244 9.0%
Abbriano 568 4.1%
Munafo 380 2.8%

 

Ore 18:30Fabrizio Spinelli, designato assessore per Adele Roselli risponde a Giovanni Formica: “Spero che Adesso Milazzo sia il primo passo per la ricostruzione. Mi auguro che la nostra lista vada a seggio. In ogni caso, si può fare politica anche fuori dal consiglio comunale, spero in un nuovo movimento liberal democratico di sinistra”.

Ore 18:25 – In diretta Lorenzo Italiano: “Sono molto soddisfatto. Consapevole che i dati attuali sono importantissimi. Voglio ricordare a chi brinda adesso che bisogna aspettare la fine”. Maurizio Capone, assessore designato di Lorenzo Italiano: “Lorenzo ha raggiunto un grandissimo risultato da solo, abbandonato anche da Forza Italia. Abbiamo corso da soli. Lorenzo ha personalità, farà opposizione costruttiva.”

Ore 18:15 – Giovanni Formica in diretta commenta il risultato di Adele Roselli: “Splendido risultato al di là del fatto che non ci sono state le condizioni per trovare accordo. Questo risultato va considerato come una ripartenza. Anche senza la nostra presenza in consiglio comunale, guardiamo il lato positivo: sarà un’occasione per riorganizzare il partito in città“.

Ore 18:10 – I voti definitivi delle liste nella sezione 1:

Azione Civica per Milazzo 4
M5S 11

Adesso Milazzo 16

Lega Salvini 37
Per Milazzo 10

Milazzo2020 18
Diventerà Bellissima 46
Fratelli D’Italia 18
Alleanza per Milazzo 13
Insieme per Milazzo 23
Innamorato della mia città 27
Fare Milazzo 12
Forza Italia 26
Milazzo Città Futura 20

Noi Milazzesi 1
Amiamo Milazzo 2
Lorenzo Italiano Sindaco 49

Partito Democratico 9

Città Libera Milazzo 1

 

Ore 18:00 – Gli ultimi dati sui sindaci (copertura 59,5%):

Midili 5027 43.7%
Italiano 2913 25.3%
Maisano 774 6.7%
Roselli 948 8.2%
Utano 1063 9.2%
Abbriano 485 4.2%
Munafo 302 2.6%

 

Ore 17:55 – In diretta Maurizio Capone, assessore designato di Lorenzo Italiano: “Devo fare i complimenti al nuovo sindaco di Milazzo. Sapevamo fosse molto forte. Il risultato non penalizza Lorenzo Italiano, ritengo che se ci fosse stato un apporto maggiore da parte dei partiti e degli altri candidati, oggi saremmo al ballottaggio”.

Ore 17:45 – Parla in diretta Santi Grillo, assessore designato di Maisano Sindaco: “Non è mia abitudine commentare dati non ancora definitivi. L’andamento non è quello aspettato. In questo momento guarderei anche i voti dei consiglieri. Si è utilizzato molto voto disgiunto, espressione che ovviamente deve far pensare. L’espressione popolare a livello comunale spesso non corrisponde con la realtà partitica nazionale. La Lega ha fatto una scelta di coerenza, presentando programma autonomo. Non siamo scesi a compromessi.”

Ore 17:30 – Ecco i primi voti delle liste:

Azione Civica per Milazzo 1,5%
M5S 4,1%

Adesso Milazzo 5,1%

Lega Salvini 12,8%
Per Milazzo 1%

Milazzo2020 6,7%
Diventerà Bellissima 11,8%
Fratelli D’Italia 10,7%
Alleanza per Milazzo 1,5%
Insieme per Milazzo 9,7%
Innamorato della mia città 5,1%
Fare Milazzo 6,7%
Forza Italia 6,1%
Milazzo Città Futura 7,2%

Noi Milazzesi 0%
Amiamo Milazzo 1%
Lorenzo Italiano Sindaco 5,6%

Partito Democratico 2,6%
Città Libera Milazzo 0,5%

 

Ore 17:15 – In diretta Attilio Andriolo, assessore designato lista Adesso Milazzo: “Siamo contentissimi, è un successo che ci aspettavamo. Sicuramente un successo che premia la città”. Adele Roselli: “Risultato al di là delle nostre aspettative. Non era facile con lo schieramento che c’era dall’altra parte”.

Ore 17:10Peppe Maimone, Presidente ADASC (ambientalisti): “In questa campagna elettorale il tema ambientale e sanitario è stato messo in secondo piano. I candidati hanno parlato di lavoro ma non hanno parlato di Raffineria ed ambiente. È possibile conciliare ambiente, lavoro e salute prevedendo un piano di investimenti serio. Non abbiamo notato una visione sul futuro, a tutela della salute pubblica. I temi ambientali non possono passare in secondo piano”.

Ore 17:05 – Parla Pippo Midili in diretta: “Il risultato ci soddisfa. Si è mantenuto nel range che ci aspettavamo. Dalla piana belle soddisfazioni grazie al lavoro delle liste. In questo momento, fortemente convinto che il risultato ci premi grazie ad una campagna elettorale basata sui contenuti. Mai ci saremmo aspettato una campagna elettorale di un anno: è stata estenuante ma anche piacevole”.

Ore 17:00–  Natascia Fazzeri, segretario circolo PD Milazzo: “Ci aspettavamo dato più positivo. Ci avrebbe fatto piacere fare fronte comune contro la destra. Ma non è stato possibile. Paghiamo tutti lo scotto di non essere stati in grado di dialogare sui temi, invece che sulle persone”.

Ore 16:50In diretta il candidato Maurizio Munafò: “Il mio un passaggio coraggioso. Il fatto di aver realizzato la lista è stata un mezzo miracolo. Il progetto inizia oggi, abbiamo le basi per poter fare molto meglio”.

Ore 16:45 – I voti aggiornati al 29% di copertura:

Midili 2505 44.1%
Italiano 1451 25.5%
Utano 520 9.1%
Roselli 492 8.7%
Maisano 347 6.1%
Abbriano 226 4%
Munafò 141 2.5%

Ore 16:40 – La legge regionale prevede che il candidato arrivato secondo con oltre il 20% dei voti abbia un seggio in consiglio comunale. Lorenzo Italiano entrerà nel prossimo consiglio comunale.

Ore 16:35 – I voti aggiornati al 25% di copertura:

Midili 2171 44.2%
Italiano 1274 25.9%
Utano 445 9.0%
Roselli 432 8.8%
Maisano 293 6.0%
Abbriano 188 3.9%
Munafò 113 3.3%

Ore 16:30 – Mangano, Presidente AMP: “I fondi per la ristrutturazione di Villa Vaccarino non ci saranno fin quando non sarà formalizzato il comodato d’uso. Villa Vaccarino non sarebbe servita solo all’AMP, ma per progetti di turismo ambientale. È un punto presente anche nel programma elettorale di Pippo Midili”

Ore 16:20Franco Cusumano, assessore designato di Midili: “Al di là se divento assessore, stasera assistiamo ad una scelta chiara dei cittadini. Il voto disgiunto c’è stato, ma Pippo ha resistito.

Ore 16:15 – In diretta. Mangano, presidente Area Marina Protetta: “Non mi preoccupa il rapporto col futuro sindaco. Qualunque sindaco certamente non farà danno all’AMP e darà il suo valore aggiunto”.

Ore 16:10 – I voti aggiornati al 17% di copertura (3300 voti):

Midili: 1468 44.3%
Italiano: 883 26.6%
Utano: 303 9.1%
Roselli: 288 8.7%
Maisano: 181 5.5%
Abbriano: 121 3.6%
Munafò: 73 2.2%

Ore 16:05 – Pippo Russo, centro commerciale naturale: “Strisce blu dovrebbero essere priorità per il centro”.
Formica: “Bando già pronto. La nuova amministrazione dovrà solo approvare delibera già scritta”.

Ore 15:50 – Giovanni Formica in diretta: Sapevo che non mi sarei ricandidato sei mesi dopo le elezioni. Ci muovevamo in un labirinto. L’unico faro sono stati i conti di cassa. Mai sforato il nostro conto corrente e mai fatto ricorso a prestito. Un lavoro ingrato ma assolutamente necessario. La città dovrà ancora fare qualche sacrificio prima di ricominciare a correre.

Ore 15:37 – I dati (copertura 4%):

 

Ore 15:30 – I primi numeri: Midili 735; Italiano 330; Utano 97; Roselli 97; Maisano 64; Abbriano 45; Munafò 30.

Ore 15:20 – Giovanni Formica in diretta: “Campagna elettorale noiosa. I candidati avrebbero dovuto affrontare i temi caldi del territorio con maggiore approfondimento. I consiglieri comunali uscenti sono stati assenti in campagna elettorale non hanno raccontato la città”.

Ore 15:15 – Giovanni Utano in diretta: “Abbiamo presentato un’idea alternativa. Fiduciosi che la città abbia colto questo segnale. Noi siamo tranquilli e sereni”.

Ore 15:10 – Midili in vantaggio con il 43% (copertura 1%)

Ore 15:00 – Lorenzo Italiano in diretta: “Siamo dietro la corazzata. Confidiamo nel ballottaggio. Campagna elettorale dalle grandi soddisfazioni. Qualsiasi risultato sarà una grande vittoria”.

Ore 14:55 – Proiezioni sul voto. Santino Smedili in diretta: “Con 7500 voti si vince a primo turno”.

Ore 14:53 – Gioacchino Nastasi in diretta: “Programmi ritagliati sul presente, senza visione sul futuro. L’affluenza bassa non è dipesa dal covid”.

Ore 14:50 – I primi dati non ufficiali parlano di un’affluenza record a San Giovanni (75%) e molto bassa alla Luigi Rizzo (55%).

Ore 14:45 – Gioacchino Abbriano in diretta: “Sono abbastanza sereno, attendo qualche numero in più per capire. Esperienza breve ma intensa, siamo partiti in ritardo, ma abbiamo lavorato al massimo delle nostre possibilità”.

Ore 14:30 – Seggio 4 – la Presidente ha lasciato fuori dalla stanza i rappresentanti e legge le schede senza mostrarle.

Ore 14.15 – Seggio 1 – Spoglio bloccato fino all’arrivo del materiale per la sanificazione.

IN DIRETTA – Buon pomeriggio cari lettori di Oggi Milazzo! Quest’oggi scopriremo con voi, in diretta, chi sarà il nuovo Sindaco e chi comporrà il Consiglio Comunale per i prossimi 5 anni.

Sono sette i candidati alla poltrona di Sindaco: Pippo Midili (sostenuto da ben nove liste, comprese Forza Italia e Fratelli d’Italia), Lorenzo Italiano (3 liste civiche), Damiano Maisano (due liste, Lega compresa), Giovanni Utano (due liste, Movimento 5 stelle compreso), Gioacchino Abbriano (Partito Democratico), Adele Roselli (lista civica), Maurizio Munafò (lista civica). Ricordiamo che per essere eletti al primo turno il candidato dovrà ottenere almeno il 40% dei voti validi. In caso contrario, i due più votati andranno al ballottaggio.

Condividi questo articolo
guest
11 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Massimo
Massimo
22 giorni fa

I limoni sono in un paio d’ore hanno raddoppiato il prezzo, tanti candidati eccellenti trombati ne hanno fatto incetta.
Che dire pi dei 5stelle, hanno scomodato 5 ministri, senatori e deputati per un risultato così deludente. Volete un consiglio: STATIBI A CASA!!

Antonio
Antonio
22 giorni fa

Il mio voto potrebbe confermare o ribaltare la classifica del gioco dei 4 sindaci….ahahaha. Da quello che vedo la maggioranza dei consiglieri c’era nella precedente amministrazione, ormai per alcuni è una fonte di reddito, ma spero che il nuovo sindaco Midili dia nuovo lustro alla città specialmente sulla politica lavoro/reddito dei milazzesi disoccupati.

Claudio
Claudio
21 giorni fa
Reply to  Antonio

Che tali resteranno, disoccupati, invece entreranno altri barcellonese messinesi e forse qualcuno un po più lontano dalla provincia, ma il milazzese con questo nuovo sindaco è e resterà disoccupato……mi darà ragione Sig Antonio

Leale85
Leale85
22 giorni fa

Qualche settimana fa scrissi che al consiglio comunale sarebbero andati il 70% dei consiglieri della scorsa amministrazione che prima erano sponda Formica e successivamente “salto della quaglia” e via sul carro Midili.
Bhe .. mi sbagliai… sulla percentuale siamo all’80%

Claudio
Claudio
22 giorni fa

Continuerete a lavorare a casa vostra ma sotto il comando degli “stranieri”……se vi danno la possibilità di lavorare..

Francesco
22 giorni fa

Ora bisogna guardare la realtà