«Domani, giovedì 1 ottobre, concluderemo la campagna elettorale con il comizio di Matteo Salvini in Piano Baele. Venerdì, invece, non faremo il comizio in rispetto dell’eroe Aurelio Visalli». Con queste parole Damiano Maisano, il candidato a sindaco della Lega, annuncia la decisione di anticipare di 24 ore la chiusura della campagna elettorale per rispettare il lutto cittadino proclamato dall’amministrazione per le esequie del militare che ha perduto la vita nel mare di Ponente. Il comizio è previsto in Piano Baele, domani, giovedì, alle ore 21.

«Prima i milazzesi non può essere solo uno slogan da campagna elettorale – continua Maisano – ma uno stile concreto. Prima i milazzesi significa anche che le persone sono più importanti delle elezioni. Ecco perché venerdì rinunceremo al nostro comizio di chiusura in segno di lutto per il sacrificio del sottufficiale Aurelio Visalli, per rispetto del dolore dei suoi cari e per unirci con tutto il cuore al suo ricordo».

 

 

 

Condividi questo articolo

guest
10 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
lavertà
lavertà
12 giorni fa

ah damiano…u chiamasti a Salvini? occhio che ora che pigghiasti sta batosta ti chiederà di pagare i biglietti delle 2 volte che è venuto inutilmente a milazzo (e la cosa bella a nostre spese)

laverità
laverità
19 giorni fa

che vergogna…potrei anche capire coloro che sono i parenti dei numerosi candidati come consiglieri comunali che sono stati “costretti” ad andare al comizio (nascosti dalle mascherine per la vergogna, anche se tutti con il naso di fuori) ma è cmq vergognoso che un milazzese voti lega, segno della sua totale ignoranza politica e storica e segno di vendita per promesse che non verranno mantenute

Piero
Piero
19 giorni fa

Sinistra, centro, destra,…… Ma si! Importante avere una poltrona!

Carmelo
Carmelo
19 giorni fa

Il popolo siciliano deve riacquistare la sua identità, la sua autostima, deve comprendere che il suo futuro lo deve determinare da se; basta con questi uomini della provvidenza calati dal nord: ci chiedono il voto e poi ci lasciano con le pezze al culo, basta con i vassalli locali, funzionali al grande inganno dei partiti nazionali, avvezzi a pratiche clientelari, responsabili del nostro declino.

Davide
Davide
19 giorni fa
Reply to  Carmelo

Non ti scandalizzare, ma il popolo siciliano dovrebbe tornare indietro, con i Borboni, quando la Sicilia, nell’800, era davvero una regione sana e prosperosa. Con questi politici di ora siamo ai livelli dell’Africa settentrionale più che appartenenti all’Europa. Beh, i tempi son cambiati, quella è un’altra storia, ma dovremmo guardare un po’ indietro per renderci conto dei disastri attuali.

aiuto
aiuto
19 giorni fa

qualche mese fa tutti i gli attuali componenti e tifosi di roselli hanno contribuito a non far parlare il kazzaro; oggi tutti democratici ed a schiticchiare…. ce l’avevano con lorenzo?