Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha visitato stamattina l’Istituto Tecnico Tecnologico “Ettore Majorana” di Milazzo guidato dal dirigente scolastico Stello Vadalà. Presenti agli incontri anche le senatrici Floridia e D’Angelo e le deputate Papiro e Raffa,  il sindaco di Milazzo Giovanni Formica, il Direttore Generale dell’Ufficio scolastico regionale Suraniti, il Dirigente Ambito Scolastico Territoriale Ornella Riccio e Carmelo Tarantino della Direzione Coldiretti Messina.

Dare un segnale della ripartenza scolastica post emergenza e fare il punto sulle scuole della provincia di Messina. Questo è stato il duplice obiettivo della titolare del Ministero di Viale Trastevere.

La senatrice del M5S, Barbara Floridia, esprime soddisfazione e ringrazia i dirigenti scolastici per l’accoglienza e per la disponibilità dimostrata nel presentare con soddisfazione le loro comunità scolastiche e il buon funzionamento dell’inizio dell’anno scolastico.

«La visita del Ministro Azzolina – continua Floridia – è un altro importante segnale di attenzione da parte del Governo nei confronti della provincia di Messina ed un’ulteriore tappa del percorso di coinvolgimento degli esponenti nazionali del governo sui problemi e sui punti di forza del nostro territorio, per individuare in maniera sinergica strategie e possibili soluzioni. Abbiamo visitato realtà scolastiche che hanno dato prova di grande capacità gestionale e abbiamo constato la bella realtà di comunità che si respira nelle scuole”.

La visita, si è svolta in forma privata, senza la rappresentanza delle autorità, assenti per il lutto per la morte del sottufficiale della Guardia Costiera della Capitaneria di Porto di Milazzo Aurelio Visalli.

A pochi giorni dall’avvio delle lezioni, il Ministro ha potuto constatare la riapertura della scuola nell’applicazione di un rigoroso protocollo sicurezza anti CoronaVirus che ha consentito al Majorana di ripartire garantendo alla totalità dei suoi 1600 alunni dei 5 indirizzi di studio le lezioni quasi esclusivamente in presenza.

Distanziamento sociale, modalità di ingresso e uscita a orari scaglionati, rimodulazione degli spazi, gestione degli spazi comuni e un regolamento Anticovid scrupolosamente studiato e condiviso con l’intera popolazione scolastica al centro del dialogo e della visita. Dopo aver visitato le nuove aule,  i laboratori, aver osservato direttamente alcune classi durante le lezioni e assistito alla esecuzione pratica delle specificità di alcuni indirizzi dell’istituto.

IL ministro si è congratulata per la conquista di riconoscimenti nazionali e internazionali e guadagnando oltre al titolo di School of the Year 2019 il pregio di rappresentare l’Italia, unica scuola italiana, alla “Settimana mondiale dell’educazione” – Our Global Showcase Schools  – T4 World Education Wee.

“Garantire ai giovani quel diritto allo studio che la pandemia aveva limitato e assicurare loro la presenza e la vicinanza del corpo docente del Majorana – ha commentato il preside Stello Vadalà – è stato l’obiettivo che ha guidato ogni proposta o intervento studiati per la ripartenza. I mesi di chiusura forzata della scuola hanno visto l’enorme sforzo di tutti noi per accompagnare gli alunni alla conclusione dell’anno scolastico nel migliore dei modi e nessuno è stato lasciato solo. La mia scuola, infatti, è riuscita a organizzare sin da subito ed efficacemente la didattica a distanza consentendo, anche a chi in difficoltà, di ricevere i supporti informatici per sostenere lo studio. Diritto all’istruzione e diritto alla salute nelle linee guida del Majorana di Milazzo.”

La visita si è conclusa con la proiezione del video “Si riparte” realizzato quest’anno per dare indicazioni sulle nuove regole logistiche e modalità comportamentali da adottare in clima di emergenza Covid e certamente per augurare un buon anno scolastico.

Condividi questo articolo