I ministri Di Maio (Esteri), Catalfo (Lavoro), Provenzano (Sud), il leader della Lega Matteo Salvini, il filosofo di Vox Italia Diego Fusaro. In forse il ministro Azzolina (Istruzione). Di certo non ci sarà Cetto La Qualunque. Non si tratta di una boutade, il candidato sindaco Maurizio Munafò si era messo in contatto con l’agente dell’attore Antonio Albanese con l’intento di fargli fare un comizio / spettacolo in piazza a conclusione della campagna elettorale con accanto proprio l’imprenditore che punta alla guida di Milazzo con una lista civica. L’idea era quella di farlo salire sul palco in contemporanea a Matteo Salvini previsto giovedì 1 ottobre per “dividere” la piazza. Ad Albanese era piaciuta l’idea, si trattava di una provocazione che avrebbe consentito – tramite il suo personaggio più noto e dissacrante, Cetto La Qualunque, protagonista di due film di successo – di mettere alla berlina i tic della politica locale. Purtroppo, la sorpresa è sfumata. L’attore ha dovuto declinare l’invito perché – superata la fase acuta del covid – ha cominciato le riprese del nuovo film proprio in questi giorni (i sequel del campione d’incassi “Come un gatto in tangenziale”). «La mia candidatura nasce dall’intento di rompere i vecchi schemi della politica e dare spazio al civismo puro – spiega Maurizio Munafò – l’intervento di Antonio Albanese mi avrebbe consentito di rafforzare il messaggio in maniera dissacrante e con un taglio vicino anche al mio modo di essere».

Diego Fusaro

Milazzo, dunque, si dovrà “accontentare” dei leader politici tradizionali. Comincerà oggi, giovedì 24 settembre, alle 17,30, alla chiesa di San Rocco, il filosofo Diego Fusaro, fondatore di Vox Italia, movimento che sostiene il candidato a sindaco Lorenzo Italiano.

La venuta del ministro per Il Sud Giuseppe Provenzano è prevista nel pomeriggio di sabato 26 settembre. Farà un endorsement al candidato del Pd Gioacchino Abbriano (non si sa ancora se nell’atrio del Carmine o Palazzo d’Amico).

Domenica 27 settembre, invece, ritornerà a Milazzo il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio per sostenere il candidato 5 Stelle Giovanni Utano. Era già venuto durante le scorse Regionali durante un partecipato comizio in Piano Baele con l’allora candidato alla presidenza Giancarlo Cancelleri, oggi vice ministro del Governo Conte (anche quest’ultimo dovrebbe fare una visita a Milazzo ma ancora non si conoscono i dettagli). Di Maio, però, non farà un comizio ma prenderà un caffè con gli elettori a Piazza Duomo dalle 17,30 alle 19 quando poi si sposterà nella vicina Barcellona.

Di Maio e Salvini

La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, invece, terrà un incontro nell’aula consiliare giovedì 1 ottobre, alle ore 10,30. Con lei il candidato 5 stelle Utano. Ancora da definire la visita del Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina che dovrebbe visitare una scuola. Confermato il ritorno del leader della Lega Matteo Salvini dopo la contestata venuta di giugno. Questa volta terrà un comizio nel tardo pomeriggio con il candidato a primo cittadino Damiano Maisano. Per motivi di sicurezza il palco verrà montato in Piano Baele. A fargli concorrenza, però, non ci sarà Cetto La Qualunque.

Condividi questo articolo
guest
13 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
michele
michele
25 giorni fa

Signori è ovvio che midili vinca,ha 180 liste,quindi gli piace vincere facile,risultato scontato!!!!!!!!!!!!!!

Mario
Mario
26 giorni fa

Midili sarà il vincitore indisturbato di queste elezioni. È un grande e con lui ci sarà tanta rigenerazzione urbana.

attila
attila
26 giorni fa
Reply to  Mario

si,barcellona e messina

io non voto
io non voto
26 giorni fa

quesito
ma chi era stato candidato alle precedenti elezioni del 2015 con altro partito non è incanditabile con i cinque stelle alla tornata successiva?.
gradirei una risposte per coerenza.

Osservatore
Osservatore
27 giorni fa

Maisano non sa se si darà il voto e non ha nemmeno a chi votare e salvini viene a fare campagna elettorale per lui………..ma mi faccia il piacere

nuccia
nuccia
26 giorni fa
Reply to  Osservatore

Ma chi lo vuole Salvini…io non dimentico il suo disprezzo per il meridione

domenico giorgianni
domenico giorgianni
26 giorni fa
Reply to  Osservatore

gli hanno parlato delle sarde a beccafico, viene per assaggiarle

Osservatore
Osservatore
27 giorni fa

Salvini va in giro per giustificare i 49 milioni di euro dicendo che sono stati spesi per le varie campagne elettorali