Troppo umido all’interno dei rifiuti indifferenziati del comune di Milazzo. Con questa motivazione la discarica di Alcamo che accoglie i rifiuti mamertini ha disposto nell’ultima settimana diverse penali nei confronti di Palazzo dell’Aquila pari a 25 euro a tonnellata che si aggiungono ai 189 che l’ente paga al gestore catanese per lo smaltimento e agli ingenti costi di trasporto a cura della SuperEco per raggiungere l’impianto.

Il problema è che non vi è alcun impianto in Sicilia disposto ad accogliere la frazione umida del comune di Milazzo in quanto saturi. Il sindaco Giovanni Formica ha scritto al Dipartimento regionale dei Rifiuti che si è lavato le mani e passata la palla alla Ssr di Messina (Società per la regolamentazione dei rifiuti) che però, a sua volta, nonostante abbia avviato un progetto per la creazione di un impianto, non può dare risposte immediate.

Formica ha preso contatti con degli impianti calabresi che trattano la frazione umida dei rifiuti ma Caronte & Tourist, la società che gestisce il trasporto nello Stretto avrebbe messo paletti sul via vai di autocompattatori pieni di immondizia. Un’altra alternativa sarebbe in Campania ma i costi dell’igiene ambientale diventerebbero esorbitanti.

Con lo smaltimento dell’umido in maniera corretta e continuativa la percentuale di differenziata salirebbe dall’attuale 15% almeno al 35% visto che si tratta di quasi il 40% dell’intera raccolta.

«E’ un corto circuito che scarica le altrui responsabilità sui sindaci, proprio per questo, presenterò un esposto alla procura di Barcellona», ha detto il sindaco Formica.

 

Condividi questo articolo
5.001 visite
guest
4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Osservatore
Osservatore
1 mese fa

Ma gli operatori chi li controlla? I mezzi perdono liquami per strada e nessuno vede niente, la puzza è insopportabile ovunque e i mezzi della n.u. anche quelli provenienti dalle Isole Eolie, circolano sotto il sole a qualunque ora…scommetto che quando saranno all’opposizione faranno esposti e denunce a tutti ……

Giovannino
Giovannino
1 mese fa

Mancano i controlli sui rifiuti conferiti in discarica, mentre aumentano i sospetti secondo i quali verrebbero mischiati carta, plastica, vetro, umido e materiali indifferenziati. Il sindaco andrà alla procura? Bene, denunci la truffa ai danni dei contribuenti.

Oratipassa
Oratipassa
1 mese fa

Le Comiche 4

Piero
Piero
1 mese fa

Per non parlare della plastica, che oramai il giovedì non viene più raccolta perché la ditta dirotta gli operai a pulire il post-mercato. Risultato: il venerdì plastica e indifferenziato vengono raccolti assieme. Di sto passo altro che multe, il pianeta si libererà di noi visto che non lo riapettiamo