Questa mattina la ditta incaricata dal Comune ha iniziato l’intervento di rimozione della protezione metallica che era stata realizzata nel 2004 per proteggere l’antico Palischermo di San Tommaso, preziosa testimonianza della millenaria tradizione della pesca del tonno, ubicato in piazza San Papino. Un intervento necessario visto che la struttura ormai non assicurava nessuna protezione ma anzi oltre a presentare ampi squarci era quasi interamente crollata. 
Il prossimo passo sarĂ  adesso lo spostamento del Palischermo in altra sede non appena giungerĂ  il via libera dalla Soprintendenza di Messina che si occupa della tutela del bene,
 sottoposto a vincolo etnoantropologico.

Condividi questo articolo
4.608 visite
guest
11 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Vaccareddoto
Vaccareddoto
2 mesi fa

Legna da ardere per il prossimo inverno… Finalmente lo storico leghista sarĂ  contento…

cecile
cecile
2 mesi fa

c è una colonia felina al barcone . Ci sono gattini di pochi mesi. Chi li tutela?

Roberto
Roberto
2 mesi fa

Quando hanno messo il Palischermo a piazza San papino era intatta ma è stata abbandonata al suo destino alle intemperie ambientali per poi fare una copertura fatiscente sin dall’inizio. VERGOGNA

Tony
Tony
2 mesi fa

Ormai è legna da camino… I reperti vanno conseevati come si deve, non abbandonati sui marciapiedi con una rete marcia sopra

We are the scempio...
We are the scempio...
2 mesi fa

A giudicare dalla foto, non credo sia rimasto molto pure del palischermo che, come testimonianza di un’attivitĂ  feroce e cruenta come la mattanza dei tonni, non capisco come sia stata elevata a “reperto storico”. D’altronde era stata un’iniziativa del magazzaniere che si spaccia per UNICO storico di Milazzo.
Lo rivedremo apparire alla prossima giunta con la quale, di sicuro, litigherĂ  …

Nicola Petrina
Nicola Petrina
2 mesi fa

quanto veleno mamma mia…Secondo il suo ragionamento pure il Colosseo andrebbe distrutto perchè è testimonianza di violenza. L’imbarcazione testiomonia il passato di pesca della cittĂ . Certo, il reperto è stato trattato con i piedi, ma il problema sarebbe recuperarlo (se si può), non dire che Tricamo vuole fare l’assessore, che c’entra? State sempre a guardare il dito e mai la luna

Jack
Jack
2 mesi fa

Un reperto storico è tale perchè testimonia qualcosa, ne buona ne cattiva ma solo qualcosa che è stato, poi sta alla gente trarne o meno insegnamento. Distruggendo un reperto la storia non cambia e nemmeno l’uomo.. Non commento nemmeno l’appellativo “magazziniere” detto con accezione negativa, davvero di bassa levatura.