Il tentativo di trovare un nome nuovo che azzeri le spaccature nel centrodestra mamertino e ricompatti la coalizione divisa tra Lorenzo Italiano (Forza Italia e Lega) e Pippo Midili (DiventerĂ  Bellissima) non fa dormire sonni tranquilli a nessuno. Nonostante le rassicurazioni si susseguono incontri e telefonate per trovare una “terza via”, sempre piĂą insistente il nome di una donna: un avvocato vicino a Fratelli d’Italia, unico partito di area a non avere preso ancora una posizione. Midili e Italiano, però, non hanno alcuna intenzione di fare un passo indietro e, anzi, accelerano mostrando i muscoli.

Lorenzo Italiano, ad esempio, oggi pomeriggio ha riunito i rappresentanti delle liste e dei partiti che attualmente lo sostengono verso la sindacatura.  Oltre ad Italiano a prendere posto al tavolo «che si riunirĂ  costantemente al fine di predisporre sia il programma, sia per definire la struttura delle liste» anche Alessio Andaloro, commissario cittadino e consigliere comunale della Lega; Maurizio Capone e Alessandro Oliva, consiglieri comunali di Forza Italia; Maurizio Capone, presidente del comitato civico “Amiamo Milazzo”; Antonella Bartolomeo, coordinatrice della lista civica “Italiano sindaco”;  Angelo Maimone e Nino Scaffidi.

«La riunione – si legge in una nota stampa – è finalizzata ad avviare un confronto produttivo sul programma che dovrĂ  caratterizzare la coalizione di centro-destra. Un programma che punti sul rilancio della cittĂ  dopo dieci anni di immobilismo, di dissesto che hanno avuto pesanti ripercussioni sulla vita sociale ed economica».

Uno dei punti cardine sarĂ  lo snellimento della burocrazia comunale. «Si è confermata una palla al piede per i cittadini», commentano. Evitando di scrivere “libri dei sogni” ciascuna forza politica della coalizione, dei movimenti e comitati civici si sono impegnati a proporre le proprie idee. «Stessa cosa sarĂ  fatta dalle associazioni, imprese, commercianti, artigiani, professionisti e Comitati spontanei  nei confronti dei quali esiste la massima apertura», assicurano.

Condividi questo articolo
3.586 visite

guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
domenico giorgianni
domenico giorgianni
3 mesi fa

slegati!!!!!

peppino
peppino
3 mesi fa

“snellire la burocrazia” per qualche politico della lega vuol dire cancellare tutte le norme che tengono a freno il dilagare della mafia. esempio? il certificato antimafia per partecipare alle gare di appalto lavori. Questa destra non è credibile.
 

peppino
peppino
3 mesi fa

dobbiamo cambiare i “pupi”.

Melo
Melo
3 mesi fa

Il solito pasticcio cucinato dagli onorevolicchi, che sperano poi di ricavare voti quando toccherĂ  a loro, in cambio dei voti e del prestigio che non hanno.
Intanto candidano, fuori da casa loro, gente con cui non si prenderebbero neanche un caffè al bar.
 

Last edited 3 mesi fa by Melo
Antonio
Antonio
3 mesi fa

Pregasi si presentino gente nuova con idee nuove per rilanciare l’economia e il lavoro a Milazzo, saluti