L’attesa ripartenza del mercato settimanale non c’è stata. Questa mattina prima tante lamentele da parte degli ambulanti che contestavano la presenza di auto ancora nella strada che doveva essere chiusa già dall’alba e poi la decisione poco prima delle 8 di non allestire le bancarelle lato strada in quanto ­- a loro dire – nessuno aveva comunicato loro queste novità volute dall’Amministrazione.

Un comportamento che ha sorpreso gli amministratori di palazzo dell’Aquila e il sindaco ha così deciso di sospendere il mercato sino a quando non sarà fatta chiarezza.
“È sorprendente che oggi gli operatori del mercato abbiano deciso di non montare i banchi – ha affermato Giovanni Formica – Hanno lamentato di non essere a conoscenza delle modifiche introdotte dall’Amministrazione e che queste li avrebbero danneggiati dal punto di vista commerciale. Intanto va chiarito che lo spostamento dei banchi sulla pubblica via era stato concordato con i rappresentanti provinciali e locali della categoria in una riunione svoltasi al comune di Milazzo lo scorso 15 maggio.
Seconda cosa, non si capisce in che modo i commercianti sarebbero stati danneggiati, tenuto conto che sono stati stabiliti i sensi di marcia per i pedoni nei due tratti del mercato e, quindi, fatta l’andata in una direzione, gli acquirenti avrebbero dovuto obbligatoriamente fare il ritorno nell’altra.
Né è immaginabile che il mercato possa farsi in condizioni di sicurezza inadeguate, mettendo a rischio le persone e l’intera città che, in caso di sviluppo del contagio adesso, subirebbe un colpo mortale. Questo è un momento in cui chi pensa solo al proprio orticello, fa un torto all’intera comunità. E comunque chi ha responsabilità di governo non può permetterselo”.

Il primo cittadino sottolinea che “il mercato settimanale ha una funzione importante perché permette agli operatori di lavorare e ai cittadini di avere accesso a beni di prima necessità a costi bassi, specie in un momento in cui le difficoltà economiche sono drammatiche. Questo, però, non giustifica mezze soluzioni. Se c’è da fare qualche sacrificio è giusto sopportarlo con altruismo. Questa considerazione vale anche per i tantissimi residenti in via spiaggia di ponente che hanno accettato un evidente disagio comprendendo che è il tempo della solidarietà e della comprensione.
Voglio pure chiarire a chi, vivendo di ricordi ha rivendicato il posizionamento delle bancarelle a sei metri di distanza, – conclude Formica – che oggi questa distanza non è sufficiente a garantire la sicurezza richiesta dai protocolli anticovid, quindi ci risparmi le sue gratuite volgarità e, magari, come già in passato ho avuto modo di affermare, faccia qualche approfondimento, che male non è.
In conclusione ci tengo a precisare che l’assetto del mercato immaginato oggi, ha natura sperimentale, come si legge nell’ordinanza sindacale, e che è un peccato non averlo potuto verificare sul campo. Per il futuro spero che gli operatori non facciano più lavorare gli uffici comunali a vuoto. Noi, comunque, restiamo aperti ad ogni possibile soluzione che garantisca il rispetto delle norme sanitarie e per questo attendiamo di ricevere le proposte sottoscritte da parte degli ambulanti. Sino ad allora il mercato sarà sospeso”.

 

Condividi questo articolo
4.997 visite

guest
7 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Jack
Jack
2 mesi fa

Da quando si parla di riapertura, dai commercianti solo lamentele. Nessuno di loro che mostri un nuovo spirito di iniziative e di adattamento. Non vogliono capire che la realtà è cambiata e devono adeguarsi.

Carmelo
Carmelo
2 mesi fa

Un altro flop di questa amministrazione. Questa volta però non si può addebitare la colpa all’assessore Torre che era un professionista del flop, ma anche Ruello non sembra che abbia idee chiare. Almeno Torre pensava in grande, Ruello non si capisce cosa pensi.

Piergiorgio
Piergiorgio
2 mesi fa

Bisogna trovare un’altra area idonea. Dietro la nuova stazione, farsi dare in comodato d’uso il terreno della RAM, asfaltarlo e creare tutti i servizi necessari per un grande mercato. Adesso tutti i commercianti del mercato di ponente dove vanno per i propri bisogni fisiologici? Fanno la pipì in spiaggia? Siamo proprio il terzo mondo. VERGOGNA

Salvo
Salvo
2 mesi fa

E tu direttore, non ti fare strattonare dal consigliere mentre fai picnic con il sindaco ed i suoi lacchè politici

Salvo
Salvo
2 mesi fa

Ad ogni iniziativa di questa amministrazione succede sempre un Disastro….. La colpa però è sempre degli altri…