Una situazione particolarmente delicata quella che si sta registrando dopo il Covid-19 all’interno della Raffineria ed in particolare nell’indotto che da sempre accoglie una importante “forza lavoro”. In questi ultimi 100 giorni, caratterizzati dalla pandemia, infatti si è verificata una consistente riduzione delle presenze di  lavoratori delle varie aziende committenti, determinando una vera e propria emergenza sociale.

Un’analisi nuda e cruda venuta fuori nel corso dell’incontro voluto a palazzo D’Amico dai sindaci di Milazzo e di San Filippo del Mela, i quali, avvertendo chiaramente le criticità esistenti non solo nei loro Comuni, ma in tutto il comprensorio hanno inteso affrontare la questione con tutti i soggetti interessati. Alla fine, la decisione di promuovere, già nella giornata di domani – giovedì 21 maggio – un incontro tra vertici della Raffineria e rappresentanti sindacali, presente Sicindustria, per cercare di trovare la soluzione che consenta il ripristino della normalità all’interno dell’indotto dell’azienda.

Alla riunione hanno partecipato il direttore della Ram, Luca Amoruso, i rappresentanti delle aziende private che operano nell’indotto, i sindacati ed il presidente di Sicindustria, Ivo Blandina.

Obiettivo di questo confronto – hanno detto Formica e Pino– è quello di avere un quadro chiaro dei temi riguardanti la produzione ed il lavoro visto il forte disorientamento e la preoccupazione che si registrano nella popolazione. E quindi è opportuno che ciascuno in questo momento svolta il proprio ruolo nel rispetto della responsabilità che gli appartiene. E la Raffineria ha chiaramente un ruolo di responsabilità sociale della quale non può non tener conto.
Ad aprire la serie di interventi il direttore della Ram il quale ha spiegato che “la situazione attuale è figlia di una duplice contingenza: l’emergenza sanitaria, ma anche lo scenario economico. Ad esempio quest’anno era stata programmata una fermata straordinaria che per ovvie ragioni si è deciso di posticipare al secondo trimestre del 2021, non avendo certezze sulla cessazione dell’emergenza nei prossimi mesi. E rinviando la fermata automaticamente sono saltate tutte le attività ad essa collegate sia nella fase preparatoria che quella successiva”. L’ingegnere Amoruso ha poi confermato gli investimenti per il 2020 ammontano a 45 milioni di euro, «somma che rappresenta comunque qualcosa di straordinario visto la situazione generale del comparto e considerato che c’è un esubero di produzione, e che tale intervento è stato possibile grazie alla presenza del doppio azionista (Eni e Q8) che riconosce un ruolo strategico dell’impianto di Milazzo». In chiusura il massimo rappresentante dell’azienda petrolifera ha contestato il Piano della qualità dell’aria approvato dalla Regione che, a suo avviso, contiene dei parametri non previsti dalle normative, i cui valori sono sempre stati rispettati dalla Raffineria”.

Da sinistra Luca Amoruso, Giovanni Formica e Gianni Pino (FOTO OGGI MILAZZO)

Sulla relazione di Amoruso diversi rilievi da parte dei sindacati.
“Prima dell’emergenza Covid – ha affermato il segretario generale della Cgil, Giovanni Mastroeni – avevamo convocato un incontro con il management della Raffineria per conoscere il Piano degli investimenti che non può essere inferiore rispetto al passato. Poi la situazione è precipitata e oggi nell’indotto le cifre sono drammatiche visto che lavora un quarto delle maestranze che operavano sino a pochi mesi fa. Ecco che è importante capire cosa sta succedendo e quello che si vuole fare. L’equilibrio è importante e le parole chiavi di ogni discussione devono essere ammodernizzazione e ambientalismo. Discuteremo anche delle restrizioni imposte dalle ultime normative chiedendo alla classe politica di rivederle confrontandosi con chi rappresenta i lavoratori, ma ora dobbiamo far tornare in azienda i lavoratori”.

Considerazioni condivise anche dai segretari generali di Cisl e Uil, Nino Alibrandi e Ivan Tripodi i quali hanno sottolineato come “in questo momento deve essere la Raffineria a promuovere più di prima se necessario, una politica di responsabilità sociale di impresa sostenendo attività e investimenti che portino non a un suo esclusivo sviluppo economico ma integrino le dimensioni di tutela e sviluppo dell’ambiente naturale e del contesto sociale in cui essa si trova a operare”.

Di rilancio del sistema industriale ha parlato il presidente di Sicindustria, Ivo Blandina proponendo un tavolo immediato affinché sindacati e azienda trovino una sintesi per evitare uno scontro sociale che nessuno vuole.

Chiarissimo invece il messaggio dei rappresentanti delle maestranze dell’indotto. “ I lavoratori devono ritornare al loro posto – hanno detto Nino De Gaetano e Francesco Formica –. C’è un problema di sopravvivenza e la situazione rischia di diventare esplosiva quando non si riesce a portare da mangiare a casa. Oggi anche i lavoratori storici lavorano una settimana ogni due mesi. E’ improponibile. Inutile fare giri di parole. La Raffineria chiede fiducia ma poi dispone che i badge di chi resta a casa siano oscurati. La fiducia non può essere solo da una parte. Bisogna aumentare la forza lavoro. Qui c’è in gioco il futuro di un intero territorio”.

Condividi questo articolo
5.041 visite

10
Rispondi

avatar
400
4 Comment threads
6 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
10 Comment authors
Catmandùsalvomilazzese 1ettorePericle71 Recent comment authors
più recente meno recente più votato
salvo
Ospite
salvo

Ma direttore , mi pubblica una foto (la seconda) in cui il Sindaco (come sempre) non fà uso di mascherina in luogo pubblico. Ma non esiste un’ordinanza del Presidente della Regione da RISPETTARE? O lui, da reuccio, è esentato? Bel rispetto delle istituzioni e delle persone soprattutto! Ma non è una novità

nicola
Ospite
nicola

il lavoro innanzi tutto…certo questo governo non aiuta.
si trovi un compromesso tra salute e lavoro è questo il compito dei politici o almeno di coloro che dicono di esserlo.

ettore
Ospite
ettore

dopo decenni di guadagni e lavoro,bastano 60-70 giorni di emergenza per mandare in crisi il colosso?

Grillo parlante
Ospite
Grillo parlante

Sono bastati 60-70 giorni non per mandare in crisi il colosso, ma per far mancare il pane dalla tavola di centinaia di lavoratori che lavorano grazie al colosso. Lo stesso colosso che il territorio,regione e ambientalisti hanno negli ultimi anni demonizzato.Si cominci a riflettere su questo aspetto che finora è stato sottovalutato.

ettore
Ospite
ettore

il “colosso”lavora e guadagna grazie agli operai,non viceversa.

peppino
Ospite
peppino

Il futuro non è di certo la raffinazione.Dobbiamo chiedere altri tipi di investimenti agli shareholder o a nuovi investitori:utilizziamo le risorse che oggi la RAM mette sul territorio,per una migrazione indolore verso altre attività industriali.Investire nell’area portuale; ammodernamento del porto turistico e realizzazione del porto industriale a Giammoro come inizio di una piattaforma logistica

H20
Ospite
H20

si, così lavorano si e no 200 persone

Pericle71
Ospite
Pericle71

Piattaforma logistica per spedire cosa? Cosa si produce a Milazzo e dintorni se non piante in vaso (di cui c’era già eccesso di produzione prima del covid) e carburante Ram di cui ci sarà sempre minor domanda? Quali sono le start up con idee innovative su cui investire e chi sono gli imprenditori risorse da investire? I soliti costruttori che hanno già ammorbato la piana di cemento?

Catmandù
Ospite
Catmandù

Quali costruttori. Mezze manicole con le pezze al culo. Dovrebbero consociasi tutti per racimolare due spiccioli da investire. E dopo massimo due giorni litigherebbero

milazzese 1
Ospite
milazzese 1

Chiacchiere, solo chiacchiere. Non fiscimu pira quand’erumu pirari e i vulemu fari avoggi.