Secondo Quasimodo in Sicilia c’è una  “permanenza  della  poesia”: narrazioni  liriche che traggono  la  loro  linfa  dal  Mito e che, attraversando  secoli  e  civiltà, permangono sull’isola,  configurando  una  pluralità  culturale  ormai connaturata.
È alla ricerca di queste tracce che si muove “Sicilia Mater” un progetto culturale nei lunghi giorni di “sospensione” determinati dal Coronavirus.
Nel primo appuntamento di domenica scorsa, sul canale Facebook  “Sicilia Mater”, nel giorno della Festa della Mamma, l’attrice siciliana Lucia Sardo ha dedicato a tutte le donne “Supplica a mia madre” di Pier Paolo Pasolini.
Per il “Maggio dei libri 2020” è stato presentato in diretta FB il volume di Francesco LisaLa Baronessa di Piano Campo. Storia, inganni e tradimenti nella Sicilia dei Vicerè“: hanno dialogato con l’autore Angelica Furnari e Teodoro Cafarelli, attivi librai presenti in provincia. 

Prossimo appuntamento è un viaggio tra i ricordi di una grande poetessa e scrittrice siciliana, troppo spesso dimenticata, Helle Busacca.
“Lo sai che quest’isola è il lungo miraggio della mia infanzia?
Con le sue arse scogliere, col lento curvarsi di viti e albicocchi sui pozzi, e le felci, ed il vento d’ignoto che ci arse negli occhi”.
Sul canale Facebook di Sicilia Mater sabato 16 maggio 2020 dalle 18.30
Salvo Presti dialoga con Anna MaculaGiambra Editori.

Sicilia Mater è promosso dalla Città di Milazzo, con la collaborazione degli Assessorati alla Cultura con Salvo Presti, alle Politiche Giovanili e Pari Opportunità con Ginevra Schiavon, al Turismo con Pierpaolo Ruello, e dalla Fondazione “Teatro del Mela” con la Presidente Giusy La Spada.
Diversi i partner che anche quest’anno hanno aderito al progetto: l’ Assessorato alla cultura del Comune di Castroreale, le Fidapa Bpw Italy, sez. di Milazzo e sez. Merì – Valle del Mela, il circolo letterario “Il Libro del Venerdì” di Scala Torregrotta, librerie del territorio. 

 

 

Condividi questo articolo
970 visite