Meno 30% di benzene. Le misure messe in atto per fronteggiare l’emergenza Covid-19 hanno prodotto – già a partire dalla fine di febbraio 2020 – una evidente riduzione delle concentrazioni degli inquinanti legati direttamente al traffico, ovvero ossidi di azoto (NOx) e benzene, soprattutto negli agglomerati urbani. Ma anche nelle zone industriali come quella di Milazzo.

A sostenerlo un report dell’Arpa Sicilia. Una valutazione più completa – spiega una nota dell’Agenzia regionale per l’ambiente – potrà essere condotta alla fine di questo periodo di emergenza sanitaria su tutti gli inquinanti rilevati dalla rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria, in relazione anche alle specifiche condizioni meteorologiche del periodo e tenendo conto di un arco temporale più esteso».

Di seguito la sintesi dei dati relativi ai principali inquinanti per gli agglomerati di Palermo, Catania, Zone industriali e della zona “Altro”.

Ossidi di azoto

Le stazioni di fondo urbano degli agglomerati di Palermo e Catania registrano una riduzione superiore al 60% nella concentrazione oraria rilevata. Nelle stazioni di fondo urbano delle aree industriali si rileva una riduzione minore rispetto a quella degli agglomerati urbani.

Benzene

Le stazioni di fondo urbano negli agglomerati di Palermo e nella zona Altro rivelano le stesse percentuali di riduzione registrate per le concentrazioni di ossidi di azoto. Le riduzioni percentuali ricavate per le stazioni delle Aree Industriali risultano mediamente in linea con le riduzioni della percentuale di NOx, pur rivelando alcune differenze nell’andamento medio orario. In particolare la stazione Augusta – Marcellino, che risente in modo significativo degli impianti presenti nell’AERCA di Siracusa, rileva dei picchi di benzene anche nel periodo in cui sono state adottate le misure più restrittive.

Particolato

Secondo l’inventario delle emissioni, la sua presenza in aria dipende solo per il 10% dal traffico stradale, come media regionale. Le percentuali di riduzione calcolate di PM10 e PM2.5 nell’agglomerato di Catania e nella stazione Priolo dell’area industriale, sono comprese tra il 10% e il 20%. Le altre due stazioni delle Aree Industriali SR-Verga, all’interno del tessuto urbano di Siracusa, e Porto Empedocle, fuori dal tessuto urbano, hanno un comportamento analogo con una riduzione superiore al 20% per il PM10. Il particolato, che è un inquinante anche con origine secondaria, dipende oltre che dalla quantità di emissioni e dalle condizioni meteorologiche, anche dai fenomeni chimico-fisici che avvengono in atmosfera e che determinano i meccanismi di formazione, trasformazione e persistenza delle sostanze presenti in aria.

Ozono

L’ozono sembra risentire debolmente delle misure di contenimento per il Covid-19.

Condividi questo articolo
2.839 visite

14
Rispondi

avatar
400
6 Comment threads
8 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
9 Comment authors
NigeriagiuseppeAlgeriFrancescoLodovico Recent comment authors
più recente meno recente più votato
giuseppe
Ospite
giuseppe

l’inquinamento che affligge Milazzo è dovuto al traffico gommato e alle nave che attraccano fuori dalla farmacia Castelli, punto più inquinato del Milazzese.Bisogna chiudere al traffico x auto a benzina e gasolio. Dal campo sportivo al tono fare “zona a traffico limitato”: chi vuole accedere DEVE pagare (escluso i residenti). Tassa di sbarco a Milazzo come già esiste per le isole Eolie.

Lodovico
Ospite
Lodovico

Provate a dirlo a tutta la gente senza lavoro e senza soldi per mangiare.
Se radessimo tutto al suolo trasformandolo in un immenso prato l’inquinamento sarebbe a zero. Vi sembra una soluzione?
Milazzo è prossima alla morte e ci rallegriamo?
Roba da PD, Verdi e CinqueStelle…

Francesco
Ospite
Francesco

L’articolo registra un dato di fatto, quello che lei asserisce è pura polemica

Peppe
Ospite
Peppe

Per quanto la raffineria, a chiacchiere sono per chiuderla tranne che di fatto, mendicano col cappello in mano prebende e posti di lavoro. Sapessi quando si effettua una “programmata” come sono roventi le linee telefoniche . Nessuno ha un progetto verde per Milazzo i candidati a sindaco copiano scelte vecchie che servono a mostrare agli sfigati,come me,l’ultimo modello di SUV da 300 CV.

Tunisi
Ospite
Tunisi

Se tu non lo avessi capito la raffineria e’ in marcia ed i dati sono scesi,cosa vuol dire?

Algeri
Ospite
Algeri

Se tu non lo avessi capito la Raffineria è in marcia ma con un’attività ridotta i minimi termini

Nigeria
Ospite
Nigeria

E con quale criterio affermi ciò??????ti posso garantire che la raffineria è regolarmente in marcia in assetti che nei periodi scorsi ci sono sempre stati..eppure l’avete sempre additata come una e sola fonte di inquinamento!!!vergogna

Peppe
Ospite
Peppe

Tunisi sei straniero ed hai difficoltà con l’italiano. Lo spiego meglio. Dai camini di tutte le industrie non escono di certo margherite. Il traffico veicolare fa più vittime delle industrie stesse ecco perché bisogna limitarlo fortemente sopratutto all’interno della città.

Tunisi
Ospite
Tunisi

O pipìno di scupi tu sei italiano o sei polacco o oriundo..Rileggi bene e capisci bene tra le righe il significato.Non fare u prufissuri che non è’ roba tua.

Chiacchierone
Ospite
Chiacchierone

Vallo a raccontare alle circa 700 persone che muoiono al giorno ed alle loro famiglie.

Tunisi
Ospite
Tunisi

Caro Sindaco troviamo il coraggio di chiudere il centro,il tono in estate,il borgo e quanto più possibile.I benefici saranno notevoli per i negozi,ristoranti,bar e in primis per i cittadini.I numeri dicono che bisogna ridurre l’utilizzo delle auto,non colpevolizziamo sempre e comunque la raffineria.

Peppe
Ospite
Peppe

Non ce l’ha il coraggio questo sindaco ne,purtroppo,gli altri che verranno di attuare a Milazzo una pedonalizzazione spinta con l’incentivazione di mezzi alternativi ai motori a combustione con predisposizione e uso di mobilità pubblica. Attingono ad esperti stranieri per fare parcheggi a pagamento in centro. Le cieche lobby portano voti.

Francesco
Ospite
Francesco

Ma che cosa c’entra il sindaco? Vuole forse chiudere tutto quello che lei dice? Mi sembra che abbia tenuto una posizione equilibrata tra difesa dei posti di lavoro e tutela ambientale. COme invece ha fatto la regione con dichiarazioni e atti roboanti, ma puramente demagogici.