“E’ tutto sbagliato…è tutto da rifare”, avrebbe detto Gino Bartoli in una delle espressioni più nota che viene associata all’icona del ciclismo italiano. In questo caso l’ha detto il Tribunale amministrativo regionale che ha bocciato anche per il 2015 il ricorso sulla legittimità delle bollette dei rifiuti sponsorizzato da consiglieri comunali di opposizione e presentato ufficialmente da 3000 cittadini milazzesi.

A dimostrazione che tutta l’impalcatura era sbagliata, frutto, evidentemente, di una errata lettura ed interpretazioni delle norme, era avvenuto per il 2016. Il Tar, così, dà ragione al Comune e respinge  il ricorso che chiedeva l’annullamento delle bollette contestando la legittimità delle delibere del Consiglio Comunale adottate il 21 e 27 agosto 2015, la delibera di giunta e la determina sindacale, entrambe del 30 settembre dello stesso anno relative al  piano finanziario e la tariffa relativa al servizio di smaltimento dei rifiuti.

Per i giudici (presidente Burzichelli, consiglieri Leggio e Spampinato) il ricorso è “inammissibile nel merito” in quanto le procedure seguite dall’Amministrazione sono corrette e in linea con quanto previsto dalle norme.
I ricorrenti (Romagnolo Santi+ 2943 cittadini) assistiti dall’avvocato Micaela Miceli, contestavano che era stata aggiunta una voce relativa ad agevolazioni al Piano tariffario che prevedeva la copertura integrale di tutti i costi, la mancata distinzione fra i costi da attribuire alle utenze domestiche e a quelle non domestiche, la mancanza della relazione sui livelli e qualità del servizio e poi il vizio di incompetenza in quanto le tariffe dovevano essere approvate dal consiglio comunale.
Il Comune mamertino, difeso dall’avvocato Marcello Scurria, ha invece chiesto il rigetto osservando tra l’altro che “i ricorrenti hanno impugnato le delibere ben oltre il termine di decadenza decorrente dalla pubblicazione degli atti stessi all’albo pretorio del Comune; che avrebbero potuto impugnare gli avvisi di accertamento innanzi alla Commissione Tributaria; e ancora che il Consiglio ha approvato il Piano in ossequio alle disposizioni normative. Ragioni che sono state sostanzialmente riconosciute dal Tar che ha respinto il ricorso sostenendo che “i ricorrenti hanno denunciato l’inesistenza della relazione da allegare al Piano Finanziario, ma non risulta che essi abbiano mai chiesto di accedere a tale atto onde poter fornire prova della circostanza appena indicata”. 

I ricorrenti sono stati condannati al pagamento delle spese legali (2000 euro)  e automaticamente  anche al pagamento delle bollette Tari di quell’anno che gli stessi avevano “congelato” in attesa dell’esito del ricorso.
Solo una stringata dichiarazione del sindaco Formica. “In questo momento di emergenza i cittadini stiano tranquilli sul pagamento del dovuto – ha detto il primo cittadino –. Successivamente si procederà con la possibilità di far ricorso agli strumenti di dilazione che sono previsti dal nostro regolamento”.

Condividi questo articolo
2.965 visite

5
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
francoCittadinocuriosoSalvoettoreCittadino attento Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Salvo
Ospite
Salvo

Successivamente,quando? Sono sicuro che arriveranno un mese prima delle elezioni!!!!
E bravo, bravo,tu sì che sei capace

ettore
Ospite
ettore

macchinone e telefono da 1000 euro si, spazzatura e acqua no. mi sbaglio?

Cittadinocurioso
Ospite
Cittadinocurioso

Entrambi in leasing?

Cittadino attento
Ospite
Cittadino attento

Tra le righe, leggo la gioia dello scrivete nell”articolo, gli ricordo che la tari con la sua amministrazione è rincarata del 300%, e rimango ad aspettare l’intervento della Magistratura sulla felice ed arricchita gestione di questi anni sulla spazzatura. I conti si tirano alla fine.

franco
Ospite
franco

meno male che lo scrivente è un uomo della Chiesa…..