VIDEO. L’inno d’Italia per tenere uniti i milazzesi. Da stamattina nelle strade della città riecheggia l’Inno Di Mameli grazie a due auto comunali che stanno percorrendo tutto il territorio cittadino. Un’iniziativa partita oggi dal comune di Milazzo e lanciata tramite i social dell’ente mamertino.  «L’Italia – dice il sindaco Giovanni Formica – sta giocando una delle partite più difficili della sua storia recente. E come sempre accade quando la partita è importante, il nostro inno nazionale ci tiene uniti».

«Stiamo cercando di essere il più presenti possibile – interviene Pierpaolo Ruello, assessore alle Politiche Giovanili – informando i cittadini attraverso l’uffcio stampa e i canali social». Proprio qualche giorno fa su iniziativa dell’assessore è stato aperto un profilo instagram (comunedimilazzo) per cercare di tenere uniti anche se a distanza i giovani milazzesi. «L’intento – continua Ruello – è fare informazione ma anchecreare una piazza vituale dove i giovani possono inviare video, foto e condividere i loro momenti trascorsi a casa»

«L’invito – conclude – rimane sempre quello di non uscire e non cadere nella tentazione stante il clima primaverile che rende più difficile affrontare un momento di difficoltà come questo»

Condividi questo articolo
3.108 visite

8
Rispondi

avatar
400
8 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
8 Comment authors
Gaetano MussaluzzoRinoMassimoZeusciccio Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Gaetano Mussaluzzo
Ospite
Gaetano Mussaluzzo

Un’iniziativa, quella del Comune, ridicola ed opinabile. Potrebbe essere diversamente utile.

Rino
Ospite
Rino

Non vorrei essere (come i più) il solito criticone, ma mi sembrava più utile informare i cittadini sulle misure da adottare e ribadire di uscire per necessità………….. la solita occasione persa di far bella figura

Massimo
Ospite
Massimo

Ci sono i decerebrati che cantano bella ciao per risolvere i problemi dell Italia, questi che invece vogliono combattere il coronavirus con l inno nazionale che sono? non è meglio che vadano a controllare tutti i criminali che sono tornati a centinaia dal nord per vedere se seguono la quarantena? Perché già’ il fatto che siano tornati sapendo il grande rischio di contagio non sono cresibili.

Zeus
Ospite
Zeus

È surreale vivere oggi tutto questo. Affacciarsi al balcone e vedere ad ogni ora strade deserte. Poi senti echeggiare l’inno di Mameli, vedi nel palazzo di fronte un tricolore e uno striscione con su scritto #andratuttobene e un arcobaleno disegnato da un bimbo. Questo periodo non ha colori politici cari signori. Ci sarà tempo per le critiche….ma non oggi!

ciccio
Ospite
ciccio

Premettendo che non ho nessuna simpatia per questo sindaco, con questa “trovata”, vi misi a sputazza n’to nasu, mi riferisco ai pseudo seguaci delle liste di cdx e legaioli e fascistoidi, inclusi i sautafossa.