Chi pensava che a San Valentino sarebbe scoppiato l’amore si è sbagliato di grosso. Al tavolo del centrodestra che si è riunito oggi a Milazzo non solo non si è raggiunta l’unione d’intenti che avrebbe dovuto portare alla individuazione di una candidatura unitaria nei comuni di Milazzo e Barcellona ma, a quanto pare, non si sono poste nemmeno le condizioni affinchè questo possa avvenire. La questione – è certo – salirà di livello e se ne discuterà a livello regionale. Gli addetti ai lavori sono convinti, però, che l’accordo difficilmente verrà raggiunto in futuro. L’intento sembra quello di “far saltare il banco” in modo che ogni componente possa scegliere il proprio candidato senza alcun tipo di condizionamento.

Buona parte della riunione è stata dedicata al voto di Barcellona, la discussione su Milazzo quasi marginale. Forza Italia ha proposto l’avvocato Pinuccio Calabrò (ex consigliere provinciale); Diventerà Bellissima l’avvocato Ilenia Torre (già assessore della giunta Materia); Popolari e Autonomisti la consigliera comunale Antonietta Amoroso. Quest’ultimo gruppo avrebbe fato sapere di essere disposto a convergere sulla Torre pur di raggiungere l’incontro ma gli azzurri du Calabrò sono irremovibili.

Su Milazzo solo un “accenno”. A scoprire le carte solo la Lega che ha proposto il consigliere Damiano Maisano (gradito a parte di Forza Italia) e Ora Sicilia con Lorenzo Italiano. Nella discussione si è fatto pure il nome del medico Franco Cusumano.

L’incontro fissato stasera all’Hotel Principe alle 18,30, addirittura, stava pure per saltare. Nella tarda mattinata si era sparsa la voce di un rinvio. A battere i piedi sarebbe stata Forza Italia la quale avrebbe fatto sapere che di fronte ad un rinvio non si sarebbe più seduta a discutere.

Alla riunione erano presenti l’assessore regionale Bernadette Grasso ed il sindaco di San Filippo del Mela, Gianni Pino in rappresentanza di Forza Italia; Matteo Francilia e Saro Catalfamo in rappresentanza della Lega; Rosario Sidoti per l’Udc; l’onorevole Ella Bucolo per Fratelli d’Italia, il deputato regionale Pino Galluzzo per Diventerà Bellissima, Carmelo Briguglio per l’area Popolari ed Autonomisti e Luigi Genovese del gruppo Ora Sicilia.

Condividi questo articolo
1.536 visite

3
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
PippoMario Lamettamassimo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Pippo
Ospite
Pippo

Da tanti anni si ripropongono sempre gli stessi; CUSMANO, Lorenzo Italiano, Maisano. Ma se non hanno fatto nulla di buono nel passato perché oggi si dovrebbero votare per l’n-esima volta? Non sono mai stati autonomi, Sempre legati a uomini di partito non milazzesi che non hanno nessun legame ed interesse per lo sviluppo di Milazzo,

Mario Lametta
Ospite
Mario Lametta

Discussione su Milazzo solo marginale??? Ma come maiiii, a detta “loro” Milazzo non è al centro del Mediterraneo, polo di interessi lavorativi, turistici, portuali e aeroprtuali?? Ma come maiiiii????? Però tranqulli vi voto lo stesso.

massimo
Ospite
massimo

Da un insieme di persone cosi’ numeroso sarebbe stato normale aspettarsi molto di piu’. Ma che genere di responsabilita’ pensano di assumersi.Niente di buono e’da aspettarsi da pseudostrateghi di tattica. Non si fidano uno dell’altro. Perche’ gli elettori si dovrebbero fidarsi di loro?