Da Marsala a Milazzo. Da Agrigento ad Enna. Matteo Salvini direttamente dalla Regione Siciliana benedice l’asse Lega – Diventerà Bellissima complice la recente creazione del gruppo del carroccio all’Assemblea regionale siciliana. «Ci vedremo molto spesso nelle prossime settimane, promette Matteo Salvini anticipando un corposo tour elettorale in vista del voto comunale previsto in primavera.

Parole che a Milazzo hanno galvanizzato i partiti del centro destra che si sono dati appuntamento domani, venerdì 7 febbraio, per cominciare a stilare criteri e programmi con i quali affrontare le amministrative a Milazzo e Barcellona. Fino ad oggi solo contatti “bilaterali” che , però, con il repentino passaggio del deputato regionale Antonio Catalfamo da Fratelli d’Italia alla Lega, ha subito non pochi scossoni facendo saltare i programmi.

Quali? Da un lato Fratelli d’Italia lasciato sguarnito e, dall’altro – sostengono i bene informati – una guerra fredda all’interno della Lega dove ora convivono due anime. Quella che farebbe capo al responsabile provinciale Matteo Francilia (con il commissario regionale Candiani alle spalle) il quale aveva individuato come papabile candidato il consigliere Damiano Maisano ed ha un rapporto privilegiato con Diventerà Bellissima rappresentata dall’onorevole Pino Galluzzo. E quella dei deputati Ars che si rifanno, a loro volta all’onorevole Nino Minardo, i quali vorrebbero dire la loro senza accettare decisioni preconfezionate. In particolare il deputato barcellonese Antonio Catalfamo, neo capogruppo della Lega all’Ars, non sarebbe convinto della ipotesi Maisano, e vorrebbe affrontare le amministrative con un dialogo privilegiato con Forza Italia (il deputato Tommaso Calderone).

Chi avrà la meglio? Il centro destra troverà un candidato unico che metterà tutti d’accordo? Si spaccherà in più candidati? La resa dei conti sta arrivando.

 

  

 

guest
15 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Alex De La Quevas
Alex De La Quevas
2 anni fa

Piuttosto che votare per voi poltronari opportunisti…brucio la mia scheda elettorale e sono un cittadino con ideali di destra.

Paolo
Paolo
2 anni fa

Basta solo avere memoria e ricordare i vari slogan nei quali Salvini era protagonista. Certo che da Isacco ad oggi il tempo è passato, ma il piatto di lenticchie è sempre quello. Chi è senza memoria meriterebbe un paio di anni di esclusione dal voto. Probabilmente la lega vincerà….e tutti salteranno sul carro del vincitore. Ma sarete solo i “terroni” utili, i servi sciocchi! Contenti voi

Povera Patria
Povera Patria
2 anni fa

A noi siciliani non ci salveranno neanche le sardine, dato che molti dei giovani migliori se ne sono andati da questa terra ingrata e, ahimè, di memoria troppo corta.
Com’è possibile che ci sia gente che dia credito ad un soggetto buono solo a trovare nuovi nemici ad ogni pensata politica?
Un tempo la Sicilia, granaio d’Italia, dava da mangiare agli antenati di Salvini, ora gli lava il culo…

Cettina
Cettina
2 anni fa

La parola dignità è sconosciuta da politici,ma riescono a guardarsi allo specchio??

Peppe
Peppe
2 anni fa

Leggo tanti commenti indignati su Salvini e i noti assaltatori di carovane. Domanda se, e vi assicuro che sarà così, questa accozzaglia di interessi personali vincerà le elezioni chi gli avrà dato i voti?? In giro solo commenti sprezzanti. Aspetto con pazienza il giorno degli scrutini.