Giovedì 30 gennaio alle 10 a palazzo D’Amico Arpa Sicilia presenterà il progetto “Nose” (Network for odor sensitivity) – sistema di segnalazione emissioni odorigene. L’iniziativa è promossa in collaborazione con l’istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e con il contributo dell’assessorato Territorio e Ambiente della Regione.

Si tratta della prima fase di un’attività di ricerca scientifica con finalità operative che coinvolgerà le istituzioni ed i cittadini attraverso l’utilizzo di un sistema App. appositamente realizzata, che raccoglie in tempo reale le segnalazioni georeferenziate ed in forma anonima, delle molestie olfattive. L’applicazione realizzata per i principali sistemi operativi di smarthphone e tablet coinvolgerà direttamente la popolazione. I cittadini, potranno segnalare in maniera efficace e puntuale ( anche con cadenza bioraria) gli odori molesti a vertiti, indicandone tipo, intensità e disturbi avvertiti con il proprio cellulare. Il sistema restituirà in tempo reale dati, statistiche, percentuali e aree di rilevazione delle emissioni.

All’evento saranno presenti il prefetto, i sindaci dei Comuni ricadenti nell’area ad alto rischio, le associazioni ambientaliste e la Città Metropolitana di Messina.

Relazioneranno i referenti degli Enti che hanno promosso il progetto che viene proposto nel comprensorio del Mela, dopo una prima fase sperimentale, nell’area di Siracusa.

Condividi questo articolo
1.192 visite
guest
2 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
domenico giorgianni
domenico giorgianni
7 mesi fa

ma chi è il genio che ha partorito questa idea epocale. Se istituissero il nobel per la minchiata, questa avrebbe buonissime possibilità di vincerlo

Ospite
Ospite
7 mesi fa

Certo, idea geniale (peccato che fu’ proposta qualche tempo fa’) adesso invece scarichi una app “autorizzando di prendersi i Tuoi dati” e quando senti cattivi odori, chiami e dici : Mi sembra di sentire odori di grezzo, gasolio, gas o altro. ma la domanda nasce spontanea – Le centraline non sono in grado di monitorare??