E’ approdato sul lungomare Marina Garibaldi di Milazzo il “truck” dell’operazione “Risorgimento digitale” di Tim: una scuola mobile che fino a venerdì funzionerà da “sportello digitale” in cui i cittadini potranno richiedere informazioni, attivare i servizi che abilitano alla vita digitale e partecipare a brevi lezioni. La “scuola mobile” anticiperà l’avvio dei corsi in aula, che si terranno in diverse location cittadine dal 3 al 21 febbraio prossimi.

«Una giornata importante – ha detto il sindaco Giovanni Formica – che ritengo debba essere vissuta con grande attenzione da parte dei nostri cittadini che, grazie a Tim che ha scelto Milazzo come tappa nella provincia di Messina, possono aumentare o migliorare le loro conoscenze digitali per sfruttare al meglio le opportunità che oggi sono offerte dal mondo digitale. Ritengo questo progetto molto importante anche per migliorare l’organizzazione della pubblica Amministrazione, grazie ai corsi formativi che sono previsti anche per il personale comunale».

“Con questo progetto – ha spiegato Marco Battisti, responsabile Operations Area Sud di Tim –  l’azienda manifesta ancora una volta massima attenzione al territorio, coinvolgendo sia i privati cittadini, sia le pubbliche amministrazioni, e guidando la collettività verso lo sviluppo delle competenze digitali che rappresentano la base per diventare cittadini di Internet e poter in tal modo usufruire delle molteplici opportunità per migliorare la propria vita quotidiana”.

Il Tim Truck in Marina garibaldi

Grazie alle lezioni in piazza svolte all’interno della “scuola mobile”, i cittadini potranno scoprire Internet e le sue potenzialità in 10 brevi sessioni formative da meno di un’ora, con le quali imparare ad utilizzare i principali servizi digitali. In parallelo i cittadini potranno iscriversi al programma in aula, articolato in 3 moduli da 2 ore, che coinvolgerà i partecipanti per tre settimane consecutive con l’obiettivo di insegnare loro dieci cose facili e utili per diventare cittadini di Internet, come ad esempio, entrare in rete, trovare informazioni, comunicare, condividere e vivere le proprie giornate da cittadino digitale. I corsi si svolgeranno sia la mattina che il pomeriggio dal lunedì al venerdì in diverse location cittadine: Palazzo D’Amico, I.T.T. E. Majorana, Scuola Media Zirilli, IC Milazzo Terzo. Successivamente sarù coinvolto anche l’ITET Da Vinci, guidato dalla dirigente Stefania Scolaro, per la formazione dei suoi allievi e dei genitori.

Il progetto, che a livello nazionale raggiungerà 1 milione di persone attraverso un intenso programma di formazione gratuito nelle 107 province italiane, vedrà impegnati circa 400 formatori TIM che offriranno oltre 20mila ore di lezioni, coinvolgendo associazioni, centri di aggregazione ed incontro territoriali, polisportive e centri anziani.

«Tra gli esempi concreti di strumenti che favoriscono la partecipazione attiva alla vita digitale da parte di un sempre più ampio bacino di persone – aggiunge Marco Battisti –  l’attivazione dello SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), la soluzione che permette di accedere, anche da dispositivi mobili, ai servizi online della Pubblica Amministrazione (INPS, INAIL, Agenzie delle entrate, Portali del cittadino, etc.) e dei privati abilitati, con un’unica Identità Digitale (user e password). E ancora, pagare il parcheggio o acquistare i biglietti di un museo con lo smartphone, utilizzare le App per avere sempre a portata di click la musica e i film preferiti, creare e modificare foto e video, oppure saper riconoscere le fake news e prevenire i rischi del web».

È possibile iscriversi ai corsi e chiedere ulteriori informazioni sia attraverso il Numero Verde dedicato 800 860 860 sia online attraverso la pagina web https://operazionerisorgimentodigitale.it .

Condividi questo articolo
1.302 visite