Un prototipo di valigia realizzata con il cartone e una poesia stampata da scambiare in piazza. Domani, sabato 25 gennaio, alle ore 18, si presenteranno così le sardine che si sono dati appuntamento nel salotto buono di Milazzo per celebrare la “cerimonia di chiusura” della Staffetta della Sardina che sta attraversando tutta l’isola. La Sicilia sarà unita, da oriente a occidente, da nord a sud, da una manifestazione simultanea in nove piazze delle nove province siciliane.

Nel messinese è stato scelto Milazzo, e nello specifico via Giacomo Medici, salotto storico della città e punto strategico d’incontro per le relazioni sociali tra cittadini, commercianti e turisti. La passeggiata di via Medici è da sempre scenario per le espressioni culturali dell’hinterland. 

Sarà un momento condiviso per riprendere, con creatività e secondo lo stile delle sardine, il tema delle infrastrutture e quello dell’emigrazione che affligge la Sicilia e l’intero Meridione, oltre alle questioni emerse lungo tutte le tappe del viaggio della Sardina nei diversi territori provinciali.

«Musica, letture, riflessioni, arte: come sempre la creatività sarà il filo conduttore, insieme ai valori che ci contraddistinguono, ossia il rifiuto del linguaggio d’odio, della violenza, dell’insulto – scrivono in una nota –  Nel corso della manifestazione ci sarà un momento suggestivo che coinvolgerà nello stesso momento tutte le piazze siciliane coinvolte. Vogliamo far vedere che esiste una Sicilia compatta, capace di unirsi per parlare, con creatività e fantasia, dei problemi che frenano lo sviluppo dell’isola». 

Sarà inoltre l’occasione per ribadire ancora una volta, come fatto dalle singole piazze locali, che anche #LaSiciliaNonSiLega, «a maggior ragione adesso che la Lega ha costituito il suo primo gruppo consiliare all’Ars ed è entrata anche in alcune giunte comunali. Essere leghisti e siciliani, leghisti e meridionali è un controsenso per chi ha memoria», concludono.

Le Sardine invitano quanti si riconoscono nei valori del movimento (antifascismo, antirazzismo, solidarietà) a scendere in piazza nella città più vicina, portando: un prototipo di valigia realizzata con il cartone; una poesia stampata da scambiare in piazza. Qualora piovesse, un bell’ombrello, possibilmente colorato.

Condividi questo articolo
2.983 visite

guest
17 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Salvo
Salvo
7 mesi fa

questo movimento delle sardine, ci viene proposto dai media come un movimento politico che riscuote un grande seguito. È un movimento nato recentemente, e viene considerato da TV e giornali come un movimento che si pone come alternativa alla politica attuale, poco si sa dei programmi, dei loro fondatori e soprattutto dei finanziatori

Francesco
Francesco
7 mesi fa
Reply to  Salvo

Forse lei dovrebbe informarsi di più. I programmi sono il rispetto della Costituzione e una poltica decorosa. Lei sicuramente conoscerà la Costituzione. certo i finanziatori non sono i russi, nèi famosi 49 milioni. SI informi per favore

senzapelisullalingua
senzapelisullalingua
7 mesi fa

Come volevasi dimostrare: sotto un palco che aveva le sembianze di un “fucuni” con tanto di brace “rossa” per cuocere quelle sparute sardine, c’erano solo quattro gatti ad aspettare la loro fine per di leccarsi i baffi….
Povera sinistra ormai allo sbando e senza futuro!!!

Francesco
Francesco
7 mesi fa

La sua analisi è di uno che la sa lunga e che sta sempre dalla parte degli “amici”. Complimenti! LA Sicilia con quyesti commenti non andrà mai avanti

Chiacchierone
Chiacchierone
7 mesi fa

I movimenti servono ad evidenziare le lacune dei governi , non delle opposizioni….ma che paese è diventato questo ?
A che servono le sardine in meridione a parlare di profughi quando proprio qui i ragazzi non trovano lavoro ?

Francesco
Francesco
7 mesi fa
Reply to  Chiacchierone

E chi lo ha detto? lei si erge a giudice di un movimento che vuole vìbuona poltica. Prefersce tenersi i soliti noti?

Chiacchierone
Chiacchierone
7 mesi fa

Ma davvero ancora credono di andare avanti ,con la barzelletta che possiamo e dobbiamo ospitare profughi a più non posso….
Neanche i più irriducibili comunisti si prenderebbero in casa un migrante ….ma poi a che serve questo movimento che non ha argomenti …è solo anti Lega.
Se a me non piace la lega non la voto non ho bisogno di un movimento.

Francesco
Francesco
7 mesi fa
Reply to  Chiacchierone

Ma lei sa che noi siciliani siamo un popolo di emigranti? Forse le è sfuggito

Chiacchierone
Chiacchierone
7 mesi fa

Innegabile flop ,pochissima gente e quelle poche erano lí per quelle attrazioni per bambini e quei balletti iniziali sul palco…

Francesco
Francesco
7 mesi fa
Reply to  Chiacchierone

Lei c’era? Lei è un bambino giunto per le attrazioni?