Domenica 22 dicembre il movimento delle “Magliette Bianche” sarà presente in piazza, insieme alle associazioni e ai cittadini, nelle aree dei siti più inquinati d’Italia chiedendo la bonifica immediata. A Milazzo l’appuntamento sarà nell’isola pedonale di Via Giacomo Medici dalle 18. È un’iniziativa a livello nazionale che coinvolge i siti più inquinati d’Italia; i cittadini indosseranno una maglietta bianca.

Le Magliette Bianche rappresentano cittadini che hanno a cuore la tutela della salute e dell’ambiente in quanto vivono all’interno o in prossimità di territori gravemente inquinati o in cui gli standard di qualità ambientale potrebbero non essere rispettati”. I cittadini chiedono a Governo, Parlamento e Regioni “procedimenti amministrativi e penali rapidi ed efficaci e che siano finanziate le bonifiche anche dalle aziende colpevoli”. Tra le priorità indicate l’avvio delle bonifiche ambientali, “senza compromessi o rinvii”, la previsione di obiettivi “trasparenti e non derogabili in termini aree bonificate o messe in sicurezza” e risorse per garantire le bonifiche nei siti “orfani” (dove non è possibile rintracciare chi ha inquinato).

Poi, l’effettuazione da parte del ministero della Salute di studi epidemiologici in tutti i comuni di ogni Sin e nei territori limitrofi, la sorveglianza epidemiologica nei Livelli essenziali di assistenza e una Tessera sanitaria, “Green Card Sin”, per i cittadini con screening a cadenze regolari. L’istituzione di un Coordinamento Nazionale Interforze per l’accertamento di reati ambientali, oltre che un inasprimento delle pene. Infine, la creazione di una “Procura Speciale Ambientale”.

Nella Valle del Mela si registra una preoccupante situazione sanitaria anche con eccessi di malformazioni. Il movimento ambientale chiede che si proceda con urgenza al disinquinamento di questo, come degli altri siti inquinati. Disinquinamento significa bonifica del suolo e delle falde, ma anche dell’aria con una riduzione dell’inquinamento applicando tutte le migliori tecnologie disponibili.

Condividi questo articolo
1.657 visite