E’ stato presentato stamattina  il movimento civico Amiamo Milazzo. Un contenitore di idee,  progetti , programmi che guardano alle prossime amministrative che vede promotore l’ex assessore Maurizio Capone. «Un progetto che ha l’obiettivo di coinvolgere soprattuto i  giovani molto spesso lasciati in disparte», ha spiegato il commerciante.  «Un progetto che metta insieme le migliori energie ed esperienze della Citta per uscire dallo stallo, dal tunnel  e dal baratro in  cui la città sta sprofondando», sostiene. Ancora non si conosce l’organico del movimento.  

Lavora lontano dai riflettori, invece, Fare Milazzo. Il movimento dopo avere lanciato il ticket tra i giovani imprenditori Danilo Ficarra e Angelica Furnari sta mettendo a punto l’assetto interno prima di ritornare a proporsi alla città. In estate era stato ufficializzato il matrimonio con Azione Civica che aveva proposto alla guida della città il medico Giovanni Utano. Quest’ultima sta dialogando con il Movimento 5 Stelle ed in particolare con la senatrice Barbara Floridia che sta allestendo una lista con professionisti locali. Nei prossimi giorni sarà inaugurata una sede dei Cinquestelle in via Umberto I°.

A destare interesse tra gli addetti ai lavori il movimento Civico 6. Tra i promotori l’imprenditore Giuseppe Amendolia, l’ex assessore Dario Russo, l’ex consigliere Antonio Isgrò. A partecipare alla riunione tanti attivisti del centrosinistra molti dei quali escono dalla esperienza del periodico “La Città” fondato negli anni ’90 da Bartolo Cannistrà. Alle riunioni hanno preso parte – tra gli altri – Guglielmo Maneri, Fabrizio Scibilia, Carlo Riggi, Salvatore Gitto, Massimo Providenti. Ad avvicinarsi anche il consigliere Antonio Foti. Difficilmente, però, questa darà vita ad una lista per le amministrative 2020. Almeno, così, giurano i promotori. Si tratta di un laboratorio politico che nasce solo casualmente a pochi mesi dal voto all’interno tanti cittadini che guardano al centrosinistra anche se non si riconoscono negli attuali assetti partitici. L’idea è quella di elaborare proposte per la città. 

«Spinti da un fondamentale bisogno di aggregazione, vogliamo intraprendere un percorso collettivo, locale e globale, di tipo politico, culturale, emotivo, per costruire una visione sociale condivisa e condivisibile – si legge nella pagina facebook –  Nel cuore della città, al primo piano di via Matteo Nardi 6, il nostro luogo di incontro e di scambio, fucina di idee, pensieri e iniziative di ogni tipo, aperto a chiunque voglia contribuire a vivacizzare il nostro spirito di comunità, e rimettere in marcia il motore raffreddato del cuore».

Condividi questo articolo
3.298 visite

guest
10 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Diego
Diego
8 mesi fa

Come mai non parlate del movimento Liberazione Milazzese?

Antonio
Antonio
8 mesi fa

Forza 5 stelle…!! 🙂

Maurizio Capone
Maurizio Capone
8 mesi fa

Franco mascherina ormai ti ho smascherato continui a nasconderti ma so chi sei. Metrici il nome e la faccia. Seinpure ignorante quando parli di convention non sai nemmeno il significato. Vai a scuola ed impara a leggere e scrivere. Perciò informazione in una giornata di pioggia intensa di domenica alle 10 di mattina c’erano 70persone.

Cittadino attento
Cittadino attento
8 mesi fa

a Milazzo, la politica viene fatta da nulla facenti o parassiti sociali, non si offendano i medici e gli avvocati, per il resto io sono dell’idea che per fare politica bisognerebbe avere un lavoro degno da darti la tranquillità economica, cosa che il 90% dei possibili candidati non ha. Vedono la politica come il posto per la vita.

Tony
Tony
8 mesi fa

Sempre le stesse facce… che vadino a lavorare, amministrare una città non è roba loro