La pizza dedicata al capodoglio Siso tra le preferite del VI Campionato nazionale della Pizza DOC organizzato a Nocera Inferiore. A proporla è stata la pizzeria Doppio Zero di Milazzo.

Il team che ha raggiunto il comune campano è stato composto da Andrea Giambò e dai titolari Francesco Gitto e Stefano Scibilia. Su 350 partecipanti la pizzeria della Marina Garibaldi si è piazzata tra i primi quindici sia nella sezione “Pizza classica” che nella “Pizza Margherita”.

Apprezzata la pizza dedicata da Siso, il capodoglio spiaggiato a Capo Milazzo attrazione principale del Museo del Mare allestito al Castello e diventato in breve tempo uno dei simboli della città. Gli ingredienti della pizza ideata dal trio sono: datterino rosso, datterino giallo, fior di latte, scaglie di mandorla, pesto di finocchietto selvatico, acciughe, mollica tostate, origano di Montalbano e basilico.

Da sinistra Scibilia, Giambò e Gitto

“Pizza Doc” è ormai diventato un appuntamento importante per aziende, imprenditori e lavoratori del mondo pizza. Al campionato hanno partecipato concorrenti provenienti da tutte le regioni d’Italia ma anche da Argentina, Brasile, Irlanda, Francia, Inghilterra, Spagna, Olanda, Germania.

«Siamo orgogliosi per due motivi – spiegano Scibilia e Gitto – non solo perché ci siamo classificati anche quest’anno tra i primi quindici in ben due categorie confermando che stiamo lavorando con serietà e professionalità, ma anche perché abbiamo fatto conoscere il capodoglio Siso, ormai un pezzo della storia recente di Milazzo».

A trionfare al sesto Campionato nazionale della Pizza DOC è stato Gennaro Cirelli, ventisettenne di Ponticelli, popoloso quartiere della periferia est di Napoli. Il premio di Miglior pizzaiolo italiano nel mondo è andato a Francesco Calò, titolare di una pizzeria di Vienna (Austria).

Condividi questo articolo
1.273 visite