«Non è possibile che si verifichino questi eventi senza che si comprendano le cause che le hanno determinate e soprattutto che tutto passi inosservato. Pretendiamo chiarezza, al pari di conoscere quali ripercussioni ci sono state per il nostro mare». Il sindaco Giovanni Formica prende una posizione chiara e ferma sullo sversamento di idrocarburi di lunedì pomeriggio nelle acque di Levante, dove la Capitaneria di porto ha rilevato la presenza di chiazze, informando l’Arpa e la Procura di Barcellona. A causa del moto ondoso oggi le chiazze che sono “sfuggite” ai battelli di Mare Pulito che ieri sera hanno dovuto sospendere le operazioni di recupero per il buio sono arrivare in Marina Garibaldi, sul lungomare della città.

CONTROLLI ALLA CENTRALE A2A. Attualmente gli indizi portano tutti alla centrale termoelettrica A2A, prospiciente allo specchio d’acqua in cui sono state registrate lo sversamento. Anche stamattina gli uomini della Capitaneria di porto hanno controllato gli impianti e in particolare i tombini da dove potrebbe essere fuoriuscito un “fiume” di acqua piovana mista a residui di idrocarburi causato dalla bomba d’acqua che ha colpito il comprensorio verso le 13,30 di ieri. Naturalmente ad oggi è una ipotesi anche se gli addetti ai lavori la ritengono verosimile.

«Siamo consci – continua il primo cittadino Formica – che lo stato attuale della qualità ambientale di Milazzo e della valle del Mela è stato causato da scelte datate che non hanno tenuto nella debita considerazione alcuni elementi che nel tempo si sono dimostrati penalizzanti e non forieri di sviluppo. Ciò tuttavia non deve rappresentare un alibi a vita e per questo oggi si rende necessario un maggiore impegno che miri a risolvere le questioni attinenti la salute di chi vive in questo territorio. Anche perché ormai le prospettive di sviluppo sono orientate verso una direzione decisamente opposta come dimostra la recente istituzione dell’Area marina protetta».

IL SINDACO DI PACE DEL MELA. Anche il sindaco di Pace del Mela, Mario La Malfa, ha preso una ferma posizione chiedendo l’intervento dell’Arpa. «Si informa che a seguito dello sversamento di idrocarburi verificatosi il 7 ottobre nella zona di mare antistante la centrale A2A di San Fiippo del Mela e che la corrente Marina ha spinto lungo la costa antistante questo Comune – scrive sul sito dell’ente – è stato chiesto all’Arpa di Messina, una urgente analisi delle acque per conoscere lo stato di contaminazione delle stesse».

Condividi questo articolo
2.496 visite

3
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
antoninolupoPeppe Recent comment authors
più recente meno recente più votato
antonino
Ospite
antonino

ecco avete rovinato l’estate hai milazzesi e diportisti fate marina protetta zona levante ( deve veramente c’è urgenza e necessita ) e liberate il capo milazzo da questa Mi ,,,,,,,,,,,,,,…….a

lupo
Ospite
lupo

sindaco ormai sei agli sgoccioli, non fare finta di impegnarti per Milazzo (sei già in campagna elettorale)….già abbiamo avuto modo in questi cinque anni di misurare la tua totale indifferenza verso la città,non ci caschiamo più…rassegnati.

Peppe
Ospite
Peppe

Come noto il,ancora per poco,il Sindaco Formica la fa fuori del vaso.Le industrie ci sono e devono lavorare nel rispetto delle leggi. Gli impianti manutenzionati adeguati migliorati.Ci vogliono euri spesi non solo utili pergli azionisti. Si preoccupi che paghino e salato il danno che hanno provocato faccia denuncia alle autorità competenti