Nel corso di una cerimonia nell’Aula Consiliare di Palazzo dell’Aquila il Rotaract Club di Milazzo ha donato un defibrillatore semi-automatico, che verrà installato nella scuola Domenico Piraino di San Giovanni.

La donazione si inserisce nel solco dell’impegno del sodalizio a sostegno delle iniziative sanitarie, avviato durante l’anno scolastico 2017/18 dal Past president Mariangela Irrera con attività a sostegno della prevenzione e della ricerca sul tumore al seno e con raccolte fondi specifiche per l’acquisto di macchinari sanitari. Il Rotaract ha, quindi, voluto aderire al progetto di rendere la città cardioprotetta, lanciato da qualche mese dall’Amministrazione Comunale, che, nella persona dell’Assessore Di Bella, ha ringraziato i giovani ragazzi per il loro impegno. 

Prima della donazione, si è tenuta una conferenza che ha registrato gli interventi del cardiologo Giovanni Pizzimenti e della anestesista Margherita Scibilia che hanno relazionato rispettivamente sui fattori di rischio delle patologie cardiache, sulle strategie di prevenzione e sui vantaggi di intervento tempestivo.

Al termine della conferenza, i partecipanti alla conferenza, soprattutto bambini alunni del II istituto comprensivo, hanno avuto la possibilità di assistere alle pratiche BSL/D e di poter loro stessi effettuare, grazie all’ausilio di un manichino, una simulazione del Basic Life Support e dell’utilizzo del defibrillatore. Queste dimostrazioni pratiche sono state possibili grazie al dottore Tommaso La Macchia (ex socio del Rac Milazzo) e al dottore Aurelio Spartà (Past President del Rotaract Messina Peloro). 

Cosi come ha sottolineato durante la cerimonia il Presidente del Club di Milazzo, Enea Miraglia, l’incontro è stata una occasione non solo per donare un apparecchio sanitario e per sensibilizzare tutti al tema della prevenzione e del tempestivo soccorso, ma anche per lanciare una iniziativa, che, qualora fosse replicata da altri, potrebbe rendere davvero Milazzo più sicura, proprio perché cardioprotteta. 

Alla cerimonia sono intervenuti l’assessore ai Servizi Sociali Giovanni Di Bella e la dirigente scolastica Alma Le Grottaglie.

Condividi questo articolo