È già tempo di raccolta delle olive. Per riviverne la tradizione riapre al pubblico l’antico frantoio di Capo Milazzo. Domenica 29 settembre, dalle 16 alle 19, sarà possibile ammirare il possente torchio ligneo e la macina in pietra che impreziosiscono gli interni del settecentesco fabbricato rurale di piazza Croce.

I volontari della Società Milazzese di Storia Patria guideranno i visitatori lungo un percorso espositivo che ripercorre la storia della produzione olearia a Milazzo e dintorni. L’ingresso è gratuito.

Il frantoio, grazie alla disponibilità della famiglia Parisi-Castellano (nella foto), è ormai diventato una consolidata attrattiva culturale della Città e rappresenta una costola del Museo Etnoantropologico e Naturalistico di Via Impallomeni (ex Carcere Femminile).

Condividi questo articolo
891 visite

2
Rispondi

avatar
400
1 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
IndignatoAnnarita Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Annarita
Ospite
Annarita

Spiegateci intanto come fate ad avere sia il castello che il carcere femminile e la sala Luigi Rizzo. I cittadini e le associazioni sono costrette a riunirsi nei bar mentre voi avete le chiavi di tutto. Spero che qualcuno faccia giustizia e cominci a sbattervi fuori.

Indignato
Ospite
Indignato

Certo come no… associazioni che non fanno nulla per la città…a differenza di storia patria che con grandi sforzi e sacrifici tutela i patrimoni storico artistici e culturali della nostra Milazzo e viene anche ostacolata in tanti modi…