In assenza dei vigili urbani i carabinieri sono diventati tutori non solo dell’ordine ma anche del decoro e del senso civico della città.

Anche ieri sera due pattuglie dei militari della compagnia di Milazzo guidata dal capitano Valentino Adinolfi ha elevato una quindicina di multe per divieto di sosta e, in particolare, per l’odiosa usanza di lasciare il mezzo parcheggiato al centro della carreggiata.

Ammonta a circa mille euro il totale dei verbali elevati agli improvvidi automobilisti del “sabato sera” che, nonostante gli interventi di repressione delle settimane scorse, ancora continuano a praticare soste selvagge nel centro cittadino di Milazzo.

Condividi questo articolo
7.125 visite
guest
15 Commenti
più recente
meno recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
giovanni
giovanni
8 mesi fa

L’autorità portuale di Messina guadagna col porto di Milazzo più di 20milioni l’anno.Perché non acquista delle aree limitrofe al porto per fare parcheggi multipiani a servizio della città(per i turisti eoliani che lasciano per settimane le auto nelle vie centrali del paese a danno dei commercianti(si preferiscono i centri commerciali dove si parcheggia facilmente)? SINDACO SVEGLIATI

Chiacchierone
Chiacchierone
8 mesi fa

Vogliamo parlare della piazza all’ ngonia oggi….altro che isola pedonale….
Farwest milazzese…..

Daniele
Daniele
8 mesi fa

Particolare Milazzo… Prima si creano con le strisce, quindi tutto regolamentato, i parcheggi a centro strada, poi (per lamentele degli stessi abitanti del luogo) son state tolte, e ora parcheggiano nuovamente lì (spessissimo milazzesi). Siamo un popolo veramente funny.

ma per favore
ma per favore
8 mesi fa
Reply to  Daniele

veramente sono pochi i milazzesi a parcheggiare li..o se lo sono sono della piana..il resto sono tutti dei paesi e di barcellona..che ben vengano le multe!

Mario Lametta
Mario Lametta
8 mesi fa

Bene così… bravi a8 carabinieri… continuiamo .. continuiamo

Milae
Milae
8 mesi fa

Bravissimi! Grazie per il lavoro svolto. Nota di demerito al Sindaco e tutta la sua “compagnia”.